Come scegliere gli alimenti per i bambini. I consigli dei pediatri

Guida Guida

Come scegliere gli alimenti per i bambini è quanto stanno discutendo a Torino, tra i vari argomenti,  circa 2000 pediatri italiani riuniti nel loro Congresso annuale. I pediatri lanciano l'allarme sulla qualità degli alimenti per bambini e raccomandano grande attenzione.

Di come scegliere gli alimenti per i bambini, di quali scegliere e del perchè, è quello di cui stanno discutendo, tra gli altri argomenti, circa 2000 pediatri italiani, riuniti in questi giorni a Torino per il Congresso annuale della Federazione Italiana Medici Pediatri. (FIMP).

I pediatri hanno lanciato un allarme riguardo agli alimenti per i bambini, perchè secondo i loro dati, le famiglie italiane, spinte dalla crisi economica, stanno rinunciando ad acquistare prodotti specifici per bambini e sostituendoli con prodotti per adulti.

Come hanno spiegato i pediatri, in Italia esiste una normativa molto stringente sui prodotti alimentari per bambini, che prevede una serie di obblighi: gli alimenti destinati ai bambini non devono contenere sostanze chimiche dannose, pesticidi, ogm, o altre sostanze tossiche che invece, anche se non lo sappiamo, sono contenute nei prodotti generici per adulti.

Quando acquistiamo un alimento per bambini, infatti, sull'etichetta devono essere riportate con evidenza queste caratteristiche.

Secondo i pediatri se la crisi economica, costringe le famiglie a restringere il budget della spesa alimentare, questo rischia di penalizzare fortemente i bambini.

L'alimentazione dei bambini, da 0 a 3 anni e oltre, deve essere particolarmente accurata e gestita con prodotti di altissima qualità.

Risparmiare sulla spesa può essere pericoloso per la salute dei bambini

 

In particolare i pediatri hanno spiegato che nei prodotti a base cereale piu' della meta' delle mamme usa prodotti adulto prima dei 24 mesi" e che "negli omogeneizzati i prodotti adulto superano i prodotti specifici anche prima dei 12 mesi".

Ulteriore preoccupazione dei pediatri anche sulla qualità degli alimenti:

"la maggior parte dei consumi del bambino e' fatta con prodotti non babyfood, che rappresentano quasi la meta' dei consumi nel primo anno di vita e arrivano all'83% tra i 12 e i 24 mesi".

I prodotti alimentari per adulto "superano fino a 200 volte il limite massimo dei pesticidi consentiti dalla legge per l'infanzia; fino a 20 volte il limite massimo di micotossine e fino a 4 volte il limite massimo di metalli pesanti consentiti dai limiti infanzia recentemente proposti dalla Commissione europea ed in fase di discussione".

Occhio alle etichette. Attenzioni ai finti alimenti per bambini

L'allarme riguarda anche "certe pratiche pericolose di alcune aziende di alimentazione per l'adulto, che pur di raggiungere gli obiettivi di business, mettono sullo scaffale normalmente dedicato ai prodotti per l'infanzia, prodotti generici 'vestiti' e personalizzati come se fossero babyfood".

Insomma, care mamme e cari papa' quando scegliamo gli alimenti per i nostri bambini, facciamo attenzione. Il cibo non è tutto uguale.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI