Come crescere fratelli uniti

Guida Guida

Quello con i fratelli è sicuramente il primo, importante legame con coetanei che il bambino sperimenta. Ecco allora come favorire una relazione sana e pacifica.

Crescere accanto a un fratello e a una sorella è un'esperienza sicuramente bellissima, anche se non sempre facile.

Infatti se da un lato l'avere dei fratelli aiuta il piccolo a confrontarsi più facilmente con il mondo dei pari, spesso il rapporto può rivelarsi conflittuale e difficile da gestire.

I genitori però possono fare tantissimo per aiutare fratelli e sorelle a sviluppare tra loro una relazione pacifica e serena.

Ecco delle semplici dritte

  • Evitare il più possibile di fare confronti. Anche se in un'accezione positiva, fare paragoni può comportare il rischio di mettere in competizione i fratelli e di creare tra loro un rapporto poco equilibrato.
  • Rispettare la loro identità tenendo presente dunque che, seppur cresciuti nello stesso ambiente familiare, abbiamo davanti persone diverse, che possono asomigliarsi fisicamente ma essere al contrario molto differenti di carattere, con inclinazioni e necessità personali che vanno rispettate. Se ciascun fratello si sentirà apprezzato e riconosciuto per quello che è, crescerà in un clima sereno e non sentirà il bisogno di entrare in conflitto con l'altro.
  • Sforzarsi per quanto possibile di non cercare la complicità dell'uno per ottenere informazioni sull'altro. Anche se dettato dalla preoccupazione questo comportamento può facilmente creare tensione tra fratelli, alimentando un clima di scarsa fiducia reciproca.
  • E' importante anche insegnare ai bambini che l'avere un fratello è un bene prezioso, perché permette loro di avere qualcuno con cui giocare e con cui divertirsi.
  • Non forzarli a condividere sempre tutti i momenti di gioco. Può capitare infatti che un bambino senta il bisogno di ritagliarsi un suo spazio personale. Forzarlo a condividerlo con un fratello potrebbe creare insofferenza.
  • E davanti a un litigio tra fratelli? La scelta migliore è in genere quella di non intervenire se non in casi in cui sia palesemente necessario farlo e di lasciare che i fratelli, sin da piccoli, imparino a gestire i loro conflitti in maniera autonoma. Le litigate sono infatti del tutto naturali ma un nostro intervento potrebbe essere interpretato come un tentativo di difendere uno dei due e rischierebbe così di fomentare le gelosie.
Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI