Come iniziare a togliere il pannolino

Guida Guida

Per tutti i bambini arriva il momento di togliere il pannolino. Ognuno con i suoi tempi e i suoi modi. Anche i metodi per gestire lo "spannolinamento" non sono tutti uguali.

Per tutti i bambini arriva il momento di togliere il pannolino. Non c’è un'età precisa per abbandonare il pannolino, per iniziare quella fase che si chiama dello ‘spannolinamento’.

Il momento di abbandonare il pannolino dipende da molti fattori e spesso viene anticipato e un po' forzato, per poter mandare il bambino al nido.

Togliere il pannolino per un bambino significa dover cominciare a controllare le sue funzioni organiche, fino ad avere il controllo degli sfinteri. Insomma abbandonare il pannolino è un primo passo per diventare grandi.

Proprio per questo ogni bambino ha i suoi tempi e a seconda anche del carattere, dell'indole e di altri fattori che invece sono esterni ed emotivi, può farlo più o meno tardi.

Quando iniziare a togliere il pannolino?

Non c’è un'età precisa, l’importante però è che per togliere il pannolino il nostro bambino:

  • sia in grado di stare bene in piedi e di camminare in autonomia
  • sia in perfetta salute. Quindi non facciamolo quando ha l'influenza, la febbre o qualche altro malanno
  • sia pronto per affrontare questa fase. Questo possiamo capirlo nella nostra relazione con il bambino.

Come iniziare a togliere il pannolino?

Iniziamo a togliere il pannolino andando intanto a comprare, insieme a nostro figlio, il suo vasino.

  • Facciamo in modo che sia lui a sceglierlo e che sia un oggetto che gli piaccia, in modo che abbia piacere ad usarlo.

Iniziamo poi andando per gradi e portando infinita pazienza.

  • In commercio esistono una serie di pannolini appositi, dedicati alla fase di spannolinamento, che cercano di aiutarci allo scopo. Sono colorati e realizzati come una mutandina assorbente, in modo di aiutare, anche nella forma, il passaggio dal pannolino alla mutandina.
  • Iniziamo a toglierlo solo quando abbiamo la giornata a disposizione per seguire il bambino e accompagnarlo all’utilizzo del vasino. Creiamo, anche in questo caso, una sorta di gioco del vasino, che abbia una ricompensa se viene usato correttamente.
  • Parliamo col bambino e diamogli degli obiettivi.
  • Diventare grande, in sè, per un bambino non è una grande cosa. Se diventare grande porta dei benefici, allora facciamoglieli vedere concretamente e lo convinceremo piu’ facilmente.
  • Saranno molti i tentativi che dovremo fare prima di raggiungere l'obiettivo. Portiamo pazienza e non sgridiamo il bambino in nessun caso.
  • Non mortifichiamolo se non arriva al vasino, o se non riesce a controllare la pipì o la pupù. Ha bisogno di tempo per apprendere il controllo di queste funzioni e la cosa migliore che possiamo fare è incoraggiarlo. Con pazienza, dolcezza, premi e sostegno.

Se abbiamo deciso di iniziare a togliere il pannolino, proseguiamo fino all’obiettivo senza farci scoraggiare nel percorso.

Manteniamo il bambino col pannolino durante la notte e nelle ore in cui non può essere seguito. Lasciamolo con le sole mutandine il resto del tempo.

Il fastidio che può provare un bambino per la sensazione di bagnato può essere un'ottima leva per facilitare lo spannolinamento. Ma come abbiamo detto, ogni bambino ha i suoi tempi e i suoi modi.

La certezza per noi è che prima o dopo l’obiettivo sarà raggiunto. Restiamo fiduciose.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI