Come sviluppare attenzione e concentrazione

Attenzione e concentrazione sembrano due parole impossibili per i bambini, ma forse dipende molto da noi genitori. Perchè la capacità di attenzione e di concentrazione dei bambini si può insegnare e sviluppare.

Come sviluppare attenzione e concentrazione

Quando i bambini iniziano la scuola, dalla materna in poi, sembra che manifestino subito una difficoltà di attenzione e di concentrazione. Le maestre ci dicono spesso che i bambini sono distratti, iperattivi, che non ascoltano, che non stanno attenti. Cosa si può fare?

Stare attenti e concentrati si impara e i genitori sono fondamentali per sviluppare nei bambini queste capacità

Per insegnare ai bambini a stare attenti e concentrati, occorre seguire una serie di semplici abitudini, fin da quando sono piccolissimi.

Innanzitutto considerate che la concentrazione è favorita da un ambiente circostante tranquillo, dove non ci sia un affollamento di stimoli visivi, sonori o emotivi.

  • Manteniamo un ritmo tranquillo e lento, che dia il tempo al bambino di esplorare e accorgersi dei dettagli delle cose. Insegnamo(dando l'esempio) a rispondere dopo aver ascoltato.
  • Evitiamo di riempire i bambini di giocattoli di ogni tipo e di proporgliene continuamente di nuovi, anche quando giochiamo con lui. Lasciamo il tempo ai bambini di scoprire tutti gli aspetti e i modi di utilizzare un giocattolo.
  • Lasciamo che impari ad aggiustarli, a montarli e rimontarli, stimoliamolo a fare attenzione ai piccoli dettagli e a memorizzarli.
  • Teniamo la televisione spenta il più possibile ed evitiamo di far stare i bambini davanti alla tv per ore. Ci fate caso che sembrano inebetiti quando guardano la TV?
  • Abituiamo invece i bambini all'ascolto della musica, specie quella classica, che è in grado di infondere un benessere psichico ristabilendo un ritmo naturale tra corpo e mente
  • Sollecitiamo la memoria visiva e la memoria a breve anche con semplici giochi, come leggere loro una frase molto lunga e fargliela ripetere subito a memoria, il testo di una canzone, il gioco delle tre carte, etc.
  • Utilizziamo un linguaggio arricchito di richiami visivi, storielle e riferimenti a oggetti e situazioni che fanno parte del suo mondo
  • Fargli raccontare una storia che hanno visto, un pomeriggio con gli amichetti, la giornata a scuola, tutti modi per allenare la memoria e stimolarli a prestare attenzione per poterlo raccontare.
  • Assicurarsi che i bambini riposino a sufficienza e in un ambiente tranquillo. Rispettare i loro ritmi e le loro esigenze senza imporgli ritmi e orari compulsivi.

photo credit: Cayusa via photo pin cc

 

Ti potrebbero interessare...
Facebook page
Twitter
Google+ page
Pinterest
Instagram