Birra artigianale: l'Italia alla conquista del mercato internazionale

Guida Guida

Cresce la produzione di birra artigianale in Italia e anche all'estero la birra nostrana viene particolarmente apprezzata. Scopri di più con Artimondo!

Che sia per un aperitivo tra amici, per una cena in pizzeria o per rilassarsi sul divano, la birra è un’ottima compagna!

Se il Nord Europa nell’immaginario comune è la patria indiscussa, ora anche il Bel Paese può vantarsi di essere la “terra del luppolo”.

Negli ultimi venti anni lo scenario birrario italiano è cresciuto con risultati positivi e i principali fautori della sviluppo sono i birrifici artigianali: “C’è stato un incremento di produzione di birra artigianale del 300% e ogni anno triplica il numero di microbirrifici che si affacciano sul mercato”.

A spiegarlo è Stefano Zanetto, fondatore di Railroad Brewery, uno dei birrifici presenti ogni anno a AF- Artigiano in Fiera, il raduno mondiale di artigiani e appassionati di hand made.

Con il suo mix di aromi e sapori, la “bionda” artigianale conquista i palati e spodesta le etichette industriali più conosciute. Il procedimento naturale non prevede la pastorizzazione, la filtrazione e l’aggiunta di conservanti; a differenza dei processi industriali, infatti, questa tecnica non incide sulla qualità della bevanda e anzi ne esalta il gusto.

Non tutti sanno che in campo medico, la birra è considerata alleata della salute: fonte preziosa di vitamine e di antiossidanti. A rivelarlo è un gruppo di ricercatori olandesi che hanno recentemente dimostrato che una pinta al giorno previene gli attacchi cardiaci più efficacemente di un calice di vino rosso!

Grazie alle sue peculiarità, la birra artigianale sta sempre più entrando a far parte dello stile e dei costumi delle persone.

Ora la sfida più grande è costruire e diffondere una cultura birraria anche nel nostro Paese: “La birra italiana è molto più giovane e non ha ancora raggiunto il grado di cultura nazionale, come in Belgio o Germania”, conferma Zanetto.

Ed è in questa direzione che si stanno muovendo i mastri birrai, organizzando degustazioni e incontri e partecipando ad importanti manifestazione dedicate al luppolo e all’artigianalità.

Durante la nostra partecipazione ad AF abbiamo avuto un ottimo riscontro: abbiamo incontrato tante persone curiose e interessate”, ci rivela l’artigiano di Railroad Brewery.

Un riscontro che si sta diffondendo tra il pubblico nostrano, ma non solo: all’estero la birra italiana ha ottenuto numerosi riconoscimenti, tanto da guadagnarsi la denominazione Dog o IGP. Il birrificio Doppio Malto, ad esempio, altro protagonista indiscusso di Artigiano in Fiera, ha vinto nel 2013 l’European Beer Star proprio nella patria dell’Oktober Fest.

L’ecommerce di AF, Artimondo, proponendo online una varietà di etichette artigianali sostiene i microbirrifici e diffonde un chiaro messaggio: “L’Italia ha nel Dna la ricerca del bello: nella moda, nel cibo, nel vino e anche nella birra. Sappiamo assemblare gusti, aromi e sapori unici”, parola di un artigiano della birra.

E voi, cosa ne pensate? E' possibile che la birra allunghi la vita?

Foto © Dmytro Sukharevskyy

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Hobby e tempo libero
SEGUICI