Il Museo dei Bambini ha trovato casa!

Guida Guida

È la settecentesca Rotonda di via Besana a Milano

Dopo varie peregrinazioni finalmente il Museo dei Bambini di Milano ha trovato una sede appropriata, e che sede oserei dire! Si tratta della Rotonda di via Besana, un complesso settecentesco con un bellissimo giardino. Svolti l’angolo ed ecco che entri in questo paradiso della tranquillità: insomma il luogo adatto per lasciare giocare i bambini senza preoccupazioni.

Il Museo dei Bambini (MUBA) è nato nel 1995, divenendo nel 2007 fondazione: in questi anni ha organizzato mostre interattive e progetti anche a livello europeo. Il comune di Milano ha messo a disposizione del MUBA, per otto anni, questa struttura che nel corso dei secoli ha avuto varie destinazioni, da cimitero dei poveri a famedio, a caserma fino all’attuale destinazione di giardino pubblico. La struttura si compone di un porticato di forma grosso modo circolare, all’interno del quale si sviluppa uno spazio verde e un edifico centrale a forma di croce. L’ambiente, tranquillo e protetto, già ideale per il gioco, è stato così arricchito al suo interno di questo polo espositivo. Il museo si presenta come centro permanente di progetti culturali e artistici rivolti all’infanzia, improntato all’innovazione e alla sperimentazione e soprattutto alla creatività. Sono stati allestiti uno spazio dedicato alle mostre, un’area per i laboratori, un bookshop, un bistro che offre cibo ‘a chilometri zero’ e un infopoint per orientarsi.

L’inaugurazione del museo si è tenuta il 24 gennaio 2014, la prima mostra proposta si chiama ‘Scatole’, è dedicata ai bambini dai 4 agli 11 anni e rimarrà aperta al pubblico fino al 31 marzo 2014. I contenitori diventano protagonisti di un’avventura basata sulla scoperta: le scatole servono per riporre qualcosa, ma anche per nascondere e occultare. Quindi libero spazio alla fantasia: i bambini saranno chiamati a costruire i propri contenitori. Particolarmente interessanti anche le ‘scatole dei ricordi’ che raccontano la storia di personaggi ed eventi legati alla Rotonda della Besana. Da esplorare letteralmente c’è l’istallazione ‘cabine da mare’ di Antonio Catalano, sei micro-universi che affrontano il tema del mare appunto: piccole barche navigano dentro pentole e padelle; poi bottiglie e fogli per scrivere messaggi di richiesta d’aiuto, come veri naufraghi; barchette sospese, pagnotte a forma di pesci e anche un tributo allo scrittore Joseph Conrad.

Il MUBA offre la possibilità ai bambini di misurarsi con la loro creatività effettuando laboratori interessanti: attraverso il progetto Remida, dedicato al riuso dei materiali di scarto, si trasformeranno i rifiuti in preziose risorse creative. Per le scuole i laboratori proposti sono quattro: per bambini da 2 a 8 anni si comincia avvicinandosi ai materiali, facendo conoscere ai più piccoli i vari oggetti, il loro uso e le possibili reinterpretazioni delle cose. Insomma una seconda vita attende carta, ceramica, stoffe e saranno i bimbi a decidere in cosa si trasformeranno tutti questi materiali. Altri laboratori interessanti, adatti ai visitatori dai 6 anni in su sono quello dedicato ai quadri materici e quello rivolto alla progettazione: con gli scarti si realizzano vere e proprie opere d’arte. Per finire un laboratorio che ha come tema conduttore l’ecologia e gli alberi: qui ci si concentra sulle caratteristiche trasformative, cromatiche e strutturali dell'ambiente e del mondo che ci circonda.

Si può fare un’esperienza di questo tipo anche in famiglia, e due sono infatti le possibilità che il MUBA offre a bambini e genitori: ‘Materiali in pista’, un progetto che si pone l’obiettivo di realizzare una costruzione o dei percorsi creativi, comunque un’opera realizzata insieme da tutti i partecipanti, ovviamente sempre all’insegna del recupero e del riciclo. C’è poi ‘Tappete!’, laboratorio in cui grandi e piccini sono chiamati a giocare su un tappeto che è una vera e propria esperienza tattile, per esplorare e scoprire con le mani e con il corpo la diversità dei materiali. Per i più grandi anche un’area dedicata ai travestimenti.

Il MUBA propone anche campus estivi in occasione delle vacanze scolastiche, è inoltre disponibile anche a organizzare feste di compleanno e su misura. La programmazione delle mostre e dei laboratori del museo tiene conto dei grandi eventi che si svolgono in città, come il Salone del mobile e Book City, di fatto rendendo lo spazio di via Besana un prolungamento dedicato ai bambini delle attività organizzate in città.

www.muba.it

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Hobby e tempo libero
SEGUICI