Come curare le scottature casalinghe

Ferro da stiro, acqua bollente, gas: scottarsi in casa è facile. Ma come intervenire? Cosa fare nell'immediato per lenire il dolore? Ecco alcuni rimedi per le piccole scottature casalinghe

Come curare le scottature casalinghe

Scottarsi in casa è più facile di quel che si pensa. Il ferro da stiro acceso, i fornelli, l’acqua bollente della pasta, una piccola distrazione e l’ustione è fatta.

Che cosa fare in caso di scottatura? Ecco i consigli per rimediare alle ustioni di tipo superficiale.

In seguito ad una scottatura, l’acqua presente nei tessuti evapora, la pelle perde compattezza, i vasi capillari si dilatano

Nei casi di breve entità, cioè scottature di primo grado, la zona colpita si arrossa e può formarsi una vescicola piena di liquido. In quelle di secondo e terzo grado, il danno interessa più strati della pelle e occorre farsi visitare dal medico o andare al pronto soccorso.

  • La prima cosa da fare dopo essersi scottati è raffreddare la zona sotto l’acqua fredda per un quarto d’ora e calmare il dolore applicando la borsa del ghiaccio
  • Disinfettare la cute lesa con prodotti non alcolici e se l’ustione è grave applicare una pomata antibiotica o cortisonica
  • Con una garza sterile coprire la scottatura facendo attenzione a dove posizionare il cerotto che non deve aderire sull’ustione
  • Tenere alzata la parte del corpo colpita per diminuire l’afflusso del sangue e se necessario, prendere un antinfiammatorio
  • Le scottature causate da olio bollente, acqua e sostanze chimiche vanno trattate da un medico
  • Le pomate “grasse” e oleose non vanno applicate perché non servono. Sotto prescrizione medica, sono utili solo quelle a base di antibiotici (ma solo se la scottatura è profonda)
  • Non eliminare zone annerite o sporche con alcol o altre sostanze per non aggravare lirritazione
  • Non vanno tolti i vestiti rimasti attaccati alla pelle perché peggiorerebbe la situazione.

 

Ti potrebbero interessare...
Facebook page
Twitter
Google+ page
Pinterest
Instagram