Come curare l'emicrania con il vaccino

Guida Guida

E' in arrivo un farmaco rivoluzionario che potrebbe far cessare gli attacchi di emicrania prima che si scatenino: scopri di cosa si tratta e come funziona.

Forse manca poco al giorno in cui si potrà dire addio all’emicrania: è in arrivo un farmaco rivoluzionario che potrebbe far cessare gli attacchi di mal di testa.

Per ora, il farmaco è identificato con una silgla, Adl 403 e fa parte degli anticorpi monoclonali; ha la funzione di disattivare il meccanismo che fa scatenare la crisi emicranica.

Il bersaglio di questa sostanza è il Cgrp, uno dei grandi responsabili dell’attacco perché viene liberato dalle terminazioni del trigemino che innervano i vasi meningei inducendoli a dilatarsi e innescando così l’attacco doloroso.

L’Adl 403 potrebbe aiutare milioni di persone; la vaccinazione potrebbe rappresentare una grande svolta nella cura dell’emicrania

  • Al momento il trattamento prevede un intervento in caso di attacco e una terapia di mantenimento (profilassi) per evitare il più possibile le crisi.
  • La sola cura sintomatica è indicata se l’emicrania è presente meno di quattro giorni al mese. La profilassi viene aggiunta se gli attacchi sono presenti almeno quattro giorni al mese e sono debilitanti oppure nel caso in cui gli attacchi non rispondono alla cura sintomatica.
  • Va detto che il Cgrp non è l’unica sostanza coinvolta nel processo infiammatorio anche se quella maggiormente implicata. Chi verrà sottoposto a vaccinazione, dunque, dovrà comunque stare attento ai fattori di rischio che sono individuali.
  • L’alimentazione, ad esempio, è uno degli stimoli principali per il mal di testa.
  • Anche lo stress eccessivo, le tensioni emotive e paradossalmente anche il relax durante il weekend dopo un’intensa settimana lavorativa, sono responsabili di molti attacchi

Ecco qualche accorgimento per ridurre la comparsa della crisi:

  • Se gli attacchi di emicrania sono scatenati da crisi meglio consumare piccole dosi degli alimenti a rischio
  • Se lo stress è il fattore scatenante più rilevante, può essere utile evitare di concentrare nel weekend tutti gli impegni che non si riescono a svolgere durante la settimana, compreso quelli piacevoli.
     

Photo credit: © Lev Dolgatsjov - Fotolia.com

E’ utile ritagliarsi ogni giorno un po’ di tempo da dedicare ad attività rilassanti come la palestra, una passeggiata, lo shopping

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI