Come combattere la cellulite con i rimedi verdi

Guida Guida

L'Amanelide migliora il circolo, il lampone riattiva gli ormoni, il frassino promuove la diuresi. Ecco come combattere la cellulite con i rimedi verdi

La Primavera “mette a nudo” tutte le conseguenze negative degli stravizi alimentari dei mesi invernali. Non bisogna dimenticare che un surplus di grassi e carboidrati favorisce il rapido accumulo di ristagni e poi della cellulite. E’ importante prepararsi alla bella stagione ridimensionando la propria dieta abbinando al consumo di alimenti più salutari, alcuni trattamenti “verdi” dall’efficace azione anticellulite.

Per combattere la cellulite in vista dell’estate puntate sulle proprietà drenanti e riattivanti  dei gemmo derivati, detti anche macerati glicerici di amamelide, lampone, frassino.

Gli estratti di gocce di germogli smuovono gli accumuli di tossine che favoriscono ristagni e l’odiata pelle a buccia d’arancia.

Come si ottengono i macerati glicerici?
Sono ottenuti dalla macerazione in una soluzione alcolica delle gemme e dei germogli, le parti della pianta più giovani e ricche di principi attivi.

Per creare una cura verde specifica, ecco come individuare il gemmoderivato più adatto al proprio inestetismo (Leggete a questo proposito la guida come riconoscere i diversi tipi di cellulite):

  • Amamelide: questa pianta è conosciuta per le sue proprietà astringenti e vaso protettrici. I suoi principi attivi sono in grado di nutrire e proteggere i tessuti dell’epidermide e le pareti dei vasi. Il gemmo derivato ottenuto dalla macerazione delle gemme di amamelide, combatte la cellulite legata a problemi circolatori
  • Lampone: se la cellulite peggiora prima del ciclo e se si è aggravata in menopausa, è indicato il macerato glicerico di lampone. Spesso all’origine di un aumento di cellulite si possono trovare scompensi ormonali, come sindromi premestruali, irregolarità del ciclo e menopausa.
  • Frassino: il macerato glicerico estratto dalle gemme di frassino, dalle spiccate proprietà drenanti, stimola l’attività dei reni, favorendo così l’eliminazione dei liquidi in eccesso nell’organismo. Questo gemmo derivato è indicato per combattere la ritenzione idrica e la cellulite “molle”, di recente formazione, causata da un ristagno di liquidi
  • Questi gemmoderivati possono essere abbinati alle proprietà della betulla
  • Questi rimedi sono da assumere oralmente, in gocce da diluire in acqua naturale, per riattivare i processi di disintossicazione che accelerano il riassorbimento della buccia d’arancia. Si consiglia di rivolgersi ad uno specialista per la posologia.

 

Photo Credit: © Valua Vitaly - Fotolia.com

E’ importante aumentare il consumo di acqua naturale durante questa “cura” con i gemmo derivati per espellere le scorie che favoriscono la cellulite.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI