La corsa: l’importanza del recupero

Guida Guida

Personal Trainer
Danilo Ridolfi

Mai sottovalutare l'importanza del recupero che purtroppo è uno degli errori più comuni a tutte le persone che si allenano autonomamente.  

Uno degli errori più comuni a tutte le persone che si allenano autonomamente, è di sottovalutare l’importanza del recupero. Questo assume un ruolo determinante sia per l’amatore, che corre per piacere, sia per l’esperto che cerca di migliorare la propria performance.

E' importante periodizzare l’allenamento attraverso obiettivi annuali, semestrali e mensili cioè considerando il volume di lavoro, l’intensità, la progressione e la modalità di “carico” e di “scarico”.

Dunque, pianificare i mesi, le settimane e i giorni che dovranno essere più intensi e quelli che dovranno essere più leggeri per dare la possibilità al corpo di recuperare correttamente e raggiungere la massima performance.

Se volete approfondire la corsa agonistica sarà importante eseguire una visita medico sportiva con test da sforzo, documentarsi sui libri, sui siti, sui forum ed, eventualmente, rivolgersi a un professionista Diplomato I.S.E.F. o Laureato in Scienze Motorie, che creerà per voi il programma di allenamento più idoneo in base al vostro fisico, alla vostra età, alla vostra costituzione, ai vostri obiettivi, ecc.

La personalizzazione è fondamentale per evitare carichi eccessivi che, spesso, sono dovuti a programmi di allenamento adatti a tutti che, per definizione, non possono tenere conto dell’unicità di ognuno. Inoltre, è importante valutare le differenze individuali sia nel tempo disponibile per allenarsi che in quello per riposarsi, così da ottimizzare il rapporto tra allenamento e recupero.

L’impegno in termini di energie della vita lavorativa, familiare e di relazione è estremamente soggettivo. Ogni programma completo deve considerare l’età, gli eventuali problemi fisici, gli sport praticati in passato, l’obiettivo agonistico, il tempo di recupero, l’attività lavorativa, ecc.

La corsa, come ogni sport, è un vero e proprio “mondo” che va conosciuto a fondo per poterlo praticare con profitto.

Il piano di allenamento proposto può essere uno “spunto” per aumentare le proprie conoscenze nella corsa e favorire un primo approccio “positivo”, partire col piede giusto, in modo da evitare errori e rischi per la salute dati dai metodi fai da te. Ora, avete una maggiore consapevolezza del vostro corpo e dei meccanismi che regolano la postura, il consumo energetico, la propriocezione e la respirazione per migliorare la performance legati alla corsa.

Correre è un piacere, tre sedute a settimana sono ottime per stare bene; riuscire a inserire stabilmente la corsa nel tempo disponibile in equilibrio con la vostra vita lavorativa, familiare e di relazione, è un successo ulteriore che vi farà ottenere tutti i benefici che la corsa può dare: divertimento, salute, dimagrimento e libertà mentale.

Arrivati a questo punto, avete gli elementi per scegliere se correre per puro divertimento, godendovi il piacere dell’affaticamento sano e giustamente intenso, o prendere la strada dell’agonismo e approfondire la corsa con la “base” che avete creato, pianificare un programma di allenamento e mettervi alla prova in gare vere e proprie come le bellissime podistiche domenicali!

Buon allenamento!

photo credit: lululemon athletica via photopin cc

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Sport e fitness
SEGUICI