Come invecchiare i jeans

Hai voglia di dare un tocco di novità al tuo armadio senza spendere un capitale? Oggi imparerai come invecchiare un paio di jeans. Nuovo look a costo zero!

Come invecchiare i jeans

C’è chi paga per dei jeans dall’aria sdrucita quando basta pochissimo per farli in casa. Un vecchio paio che non metti più perché fuori moda si presta perfettamente all’esperimento. Pronta a cominciare? Oggi imparerai come invecchiare i jeans!

Di cosa hai bisogno

  •   Matita
  •   Carta vetrata


Procurati della carta vetrata. Se non ne trovi nella cassetta degli attrezzi, sappi che la vendono presso qualsiasi ferramenta. L’importante è che la tagli in modo da poterla impugnare e strofinare senza farti male.

        
Indossa i jeans e traccia un segno con la matita nei punti in cui vuoi che appaiano sbiaditi e consumati. Di solito, quelli che vendono in commercio seguono uno schema: la parte più consumata è sulle ginocchia per poi sfumare verso le caviglie e la vita.


Togliti i jeans, e inizia a strofinare la carta vetrata in corrispondenza del punto che hai scelto per far partire la “dissolvenza”. Continua a strofinare finché non raggiungi il risultato desiderato... Fai attenzione a non bucare i jeans, però!          

Adesso scegli dei punti in cui consumare il jeans sopra e sotto il ginocchio. In questo caso strofinerai meno energicamente per dare un aspetto armonioso ai jeans. Alla fine dovresti ottenere dei pantaloni molto consumati sulle ginocchia con qualche accenno di sbiaditura in vita e sulle caviglie.

Il risultato finale però dipende da te, non c’è una regola precisa, se vuoi puoi consumare i jeans sul didietro oppure concentrarti solo sull’orlo se sono molto lunghi. Insomma, dai pure sfogo alla tua fantasia!

Finito il lavoro “sporco” con la carta vetrata, lava e asciuga i jeans… Voilà: uguali a quelli che vendono nei negozi d’abbigliamento ma a un costo decisamente più abbordabile!

 

 

Ti potrebbero interessare...
Facebook page
Twitter
Google+ page
Pinterest
Instagram