Come funziona e cos’è la TARI

Guida Guida

Cerchiamo di capire cos’è, come funziona e quando va pagata la TARI, ovvero la Tariffa Rifiuti che sostituisce la precedente TARES. 

Con la TARI, la Tariffa Rifiuti istituita attraverso la legge di stabilità nel 2014, si sostengono le spese comunali per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti ed è, nonostante il cambio di nome, abbastanza simile alla vecchia Tares.

La TARI costituisce, insieme ad IMU e TASI, la IUC, l'Imposta unica comunale applicata agli immobili, e va a subentrare alle imposte precedenti TIA1, TIA2 e TARES

La TARI deve essere pagata da chiunque, con un immobile di proprietà o in affitto, produca rifiuti urbani per i quali ogni Comune deve necessariamente attuare un servizio di raccolta e smaltimento: è il Comune stesso a stabilire le tariffe di tale imposta in relazione ai costi reali del servizio offerto.

La tariffa viene calcolata tenendo conto della superficie calpestabile dell’immobile occupato e del numero di componenti del nucleo familiare che vi abitano: l’importo da pagare viene notificato ad ogni contribuente direttamente dal Comune o dall’azienda che si occupa del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Questa imposta, che si paga tramite bollettino di conto corrente postale o modello F24 inviato al contribuente, viene pagata in un minimo di due rate fino a un massimo di quattro rate secondo quanto stabilito dal Comune che ne ha stabilito anche le scadenze tramite delibera comunale.

C’è da specificare comunque che la legge consente il pagamento della TARI in un'unica soluzione, il 16 giugno, anche se per lo più i Comuni si sono orientati per il pagamento in due rate di scadenza semestrale.

In alcuni comuni è stata prevista l’introduzione di detrazioni per determinati nuclei familiari oppure per incoraggiare la raccolta differenziata come è accaduto a Milano dove è stato una riduzione del 10% per famiglie con almeno un anziano con età superiore ai 75 anni.

Foto © Shjmyra - Fotolia.com

Informarsi sulla TARI

Se non ti è arrivato ancora nessun bollettino per pagare la TARI rivolgiti subito all'ufficio tributi del tuo comune per aver informazioni sul motivo del ritardo.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI