Riscaldamento di casa: il corretto utilizzo

Guida Guida

Per quanto una casa sia ben arredata, se non è ben areata e riscaldata, non riuscirai mai a godertela completamente: avere una giusta temperatura in casa è fondamentale e dipende dal tipo di riscaldamento che hai deciso di adottare.

Per quanto una casa sia ben arredata, se non è ben areata e riscaldata, non riuscirai mai a godertela completamente: avere una giusta temperatura in casa è fondamentale e dipende dal tipo di riscaldamento che hai deciso di adottare.

Al giorno d’oggi le opzione a disposizione sono molteplici dal riscaldamento centralizzato a quello a pavimento, dall’uso di stufe e caloriferi all’impiego di caminetti.
A seconda della scelta che deciderai di fare consulta sempre un esperto per avere la certezza che l’impianto di riscaldamento sia sicuro e a norma.

Sii certo che la tua casa abbia una buona areazione: vivere in un ambiente ben ventilato e cambiare più volte l’aria, aprendo le finestre anche d'inverno, è fondamentale per la salute, infatti una cattiva aerazione può far insorgere mal di testa, problemi respiratori e un malessere diffuso. Inoltre, la mancanza d’aria favorisce la formazione di umidità, condensamuffe ma d’altro canto anche un ambiente troppo secco risulta dannoso perché può creare danni rovinando mobili e pavimenti in legno.

Per assicurarti che durante l’inverno i tuoi locali siano ben riscaldati, controlla che non vi siano spifferi provenienti da porte e finestre: se non disponi di moderne finestre a chiusura ermetica cerca almeno di usare tendaggi lunghi e pesanti e rivesti divani e pavimenti con tappeti, tessuti e fodere calde.

I sistemi a riscaldamento centralizzato comprendono caldaie, tubi, cavi, timer, termostati che solitamente vengono tenuti nascosti alla vista: ad esempio tubature e fili vengono di norma posizionati nei pavimenti o nelle intercapedini dei muri.

La caldaia deve essere tenuta lontano dalla zona notte e dal soggiorno perché il rumore prodotto da pompe, bruciatori e termostato potrebbe risultare fastidioso.

Puoi scegliere di nascondere le fonti di calore facendo ad esempio installare un impianto a pavimento, il che viene solitamente deciso in fase di costruzione, poiché i tubi dell’acqua calda e gli elementi elettrici vengono incorporati nel pavimento, di solito in pietra, ma ora lo si fa anche con il parquet.

Oppure puoi far installare sistemi ad aria calda in grado di convogliare l’aria attraverso condotti e griglie in metallo ricoperte di plastica, inserite sui muri e nei pavimenti: verifica che le bocchette d’aria non siano ostruite da mobili o tappeti.

Sono tornate molto di moda anche le stufe, sia i modelli alimentati ad acqua che quelli a corrente elettrica o a gas: posizionate a livello del pavimento spesso sono state sottovalutate ma al contrario risultano molto meno ingombranti dei termosifoni che invece occupano più spazio murario.

Per quanto riguarda i termosifoni un tempo si cercava di nasconderli ora invece va di moda trasformarli in elementi di arredo ecco perché vengono valorizzati dipingendoli o ricoprendoli con originali copritermosifoni.

Infine mai sottovalutare il fascino di un caminetto: qualunque sia la forma e la dimensione del tuo camino sarà in grado di creare un’atmosfera intima ed accogliente come nessun altro elemento è in grado di fare.

photo credit: dreaming_of_rivers via photopin cc

Per riscaldare un ambiente non sottovalutare l’importanza psicologia dei colori caldi e ricorda di fare attenzione che gli arredi non entrino in contatto con radiatori, stufe, bocchette d’aria calda e camini: il rischio di incendio purtroppo esiste concretamente.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI