Arriva la ricetta medica elettronica

Guida Guida

Dal primo marzo 2016 dovremo dire addio alla vecchia ricetta rossa del medico di famiglia per far posto alla ricetta elettronica o dematerializzata. 

Dal primo marzo 2016 il medico di famiglia sarà tenuto a prescrivere medicinali e cure usando una ricetta elettronica o dematerializzata su un sistema informatico che potrà essere visionato anche dal farmacista.

Dunque dovremo dire addio alla vecchia ricetta rossa, anche se la legge che elimina i blocchetti rossi del medico risale al dicembre 2015 e si rifà a un decreto di più di tre anni fa.

D'ora in avanti il medico, per prescrivere una visita, degli esami o un farmaco, si dovrà collegare in rete a un sistema informatico e compilare una ricetta elettronica. Lo stesso sistema informatico, e dunque anche la ricetta dematerializzata, sarà visibile anche al farmacista a cui ci si rivolgerà e che consegnerà le medicine richieste.

Per un po’ il dottore consegnerà un promemoria “salva prescrizione” di carta da consegnare al bancone della farmacia: questo foglietto sparirà nel momento in cui il sistema “paperless” entrerà a pieno regime.

In pratica il medico,  per fare una prescrizione, deve connettersi dal suo pc a un apposito portale e deve compilare la ricetta sullo schermo, in tutto uguale a quella cartacea.

Il numero della ricetta elettronica sarà associato al codice fiscale del paziente e verrà stampato un promemoria con cui si andrà in farmacia

Recuperando i dati attraverso i codici a barre stampati sul promemoria il farmacista recupera la prescrizione on-line e consegna la medicina.

Tra i vantaggi della ricetta elettronica ci sarà di sicuro il risparmio sulla stampa e la carta.
Inoltre, togliendo le vecchie ricette cartacee, non ci saranno più controlli sulla falsificazione o sugli abusi dovuti al furto dei ricettari

La ricetta elettronica sarà valida in tutte le farmacie del territorio nazionale, sia pubbliche che convenzionate: i farmaci potranno essere ritirati anche fuori dalla regione di residenza, agevolando così le persone che viaggiano spesso o lavorano lontano da casa.

Foto @www.ipasvibo.it

Farmaci esclusi

In questa prima fase, fino a fine 2017, saranno ancora esclusi dalla ricetta elettronica solo alcuni farmaci come gli stupefacenti, i farmaci con piano terapeutico Aifa, l'ossigeno e le prescrizioni per erogazione diretta in continuità assistenziale.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI