Come coltivare il cotoneastro

Guida Guida

Ecco una nuova pianta per il nostro giardino: il cotoneastro!  

Oltre 50 specie di arbusti sempreverdi formano la famiglia del cotoneastro (detto anche cotognastro o cotoneaster). Fiori piccoli bianchi o rosa con cinque petali sono l'ornamento principale, con l'aggiunta dei piccoli frutti rossi (piccole bacche di vari tipi di rosso). Utilizzate per tappezzare o come siepe - ma anche per bordura - queste piante possono arrivare ad anche 3 metri d'altezza, in questa guida vedremo come coltivare il cotoneastro.

Queste piante hanno grande resistenza all'inquinamento ed una lunga vita: vanno piantate in autunno dove fa più freddo, meglio alla fine dell'inverno/inizio primavera, dove il clima è più mite. Non ha grandi problemi legati al terreno: calcareo o povero non sono pericolosi, la cosa più importante è che sia ben drenato e non vi siano ristagni d'acqua.

Per una corretta coltivazione, è utile piantare il cotoneastro ad un minimo di 30 centimetri di distanza l'uno dall'altra ed un massimo di 1 metro e mezzo.

La mezz'ombra è un buon posto dove piantarle, ma anche al sole non hanno problemi, avendo una resistenza enorme sia alle alte temperature che a quelle basse (anche molto basse).

Bagnate la pianta durante il primo anno di sviluppo, regolarmente ed in giusta misura, poi solo nei periodi di particolare siccità.

Attenzione ad afidi, acari e cocciniglie, eliminateli con prodotti specifici. Inoltre, attenzione ai marciumi portati dal chiodino, le zone coltpite vanno assolutamente eliminate.

Scegliete bene

Scegliete la specie in base all'uso: siepe, bordura, tappezzante o altro!
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI