Come regolare il riscaldamento e l’aria condizionata con la domotica

Guida Guida

Mantenere un adeguato microclima all’interno della stanze di casa tua è facile se decidi di affidarti alla domotica. 

Grazie all’istallazione di un sistema domotico è possibile gestire in modo ottimale il microclima dell’ambiente domestico: il riscaldamento e il condizionamento d’aria vengono regolati tenendo conto delle esigenze di ogni utente.

In casa possono esserci persone che, per l’età avanzata o per la presenza di particolari disabilità associate a problemi di termoregolazione corporea e difficoltà respiratorie, necessitano di una temperatura ambientale costante ed omogenea.

Diventa quindi estremamente importante mantenere nelle stanze un giusto livello di climatizzazione e di umidità.

Sia che si disponga di un impianto di riscaldamento tradizionale, a caldaia o con radiatori, sia che si abbia un impianto di riscaldamento a pavimento è una buona idea installare in ogni stanza sonde termiche così che il sistema domotico, con appositi attuatori, possa regolare il funzionamento delle ventole o delle valvole di mandata dei fluidi riscaldanti.

L’impianto di condizionamento dispone già di una centralina che può essere tranquillamente integrata con l’impianto domotico: l’integrazione può riguardare solo la funzione di accensione e spegnimento delle ventole oppure riguardare anche la regolazione dell’intensità del flusso d’aria condizionata.

Tutte le funzioni possono essere regolate e controllate con sistemi di comando usufruibili anche da utenti con gravi disabilità come cronotermostati programmabili su base settimanale o termostati da parete per la regolazione della temperatura a zone.

Foto © chesky - Fotolia.com

Il cronotermostato

Le modalità di funzionamento di un cronotermostato sono tre: automatica, manuale e antigelo.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI