Come adottare un cane poliziotto

Guida Guida

Giunti al termine della loro carriera, i cani poliziotto vanno in pensione e possono essere adottati: scopri cosa si deve fare per adottarne uno. 

Passano anni a pattugliare i parchi, le aree verdi o le stazioni e gli aeroporti delle nostre città: sono i cani poliziotto, insostituibili amici a quattro zampe e fedeli colleghi degli agenti in divisa.

Anche per questi splendidi animali, che affiancano i poliziotti nelle loro tante mansioni e che sono in grado di rispondere ai comandi dei loro conduttori, arriva l'ora del riposo e così, dopo anni di lavoro, vengono rimossi dal loro incarico e mandati in pensione.

Gli ex cani poliziotto sono animali che, dopo un vita di lavoro, meritano di essere accolti in una famiglia che è in grado di dare loro affetto e tutte le cure necessarie di cui hanno bisogno i cani di una certa età.

Di solito il cane poliziotto arrivato alla conclusione della propria carriera viene affidato al conduttore con cui ha condiviso anni di esperienze, tuttavia può capitare che il poliziotto che lo ha cresciuto non abbia la possibilità di vivere in compagnia del suo ex compagno a quattro zampe e così si candida l'animale all'adozione.

Quando ci sono cani disponibili, viene inserita una scheda sul sito della Polizia di Stato in modo che le persone interessate possano acquisire informazioni e farsi avanti per l’adozione. 

Gli ex cani poliziotto possono essere adottati sia da privati cittadini che da associazioni ONLUS no profit che tutelano i diritti degli animali: proprio perché si tratta di cani con un passato speciale è importante che i futuri adottanti abbiano esperienza con cani da guardia o da difesa.

Dopo aver consultato le schede con i profili psicologici dei cani,  se si desidera adottarne uno, occorre compilare la domanda di adozione e inviarla per consegna diretta o via fax al numero 06/985623317 o tramite raccomandata A.R. indirizzata al Centro di Coordinamento dei Servizi Cinofili c/o Istituto per Ispettori, Via S. Barbara, 94 - 00048 Nettuno, (Roma).

Dopo aver valutato le domande di adozione il Centro decide le assegnazioni previa colloquio di verifica della compatibilità caratteriale con il cane: questo colloquio è necessario per capire se il futuro padrone ha le capacità necessarie per gestire l'animale.

Foto © wellphoto - Fotolia.com

Chi rinuncia

Se entro 15 giorni la persona testata non procede al ritiro del cane viene considerato rinunciatario e l'ex cane poliziotto viene assegnato ad un altro cittadino. 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Animali e cuccioli
SEGUICI