Come comportarsi se il gatto ci porta regali indesiderati

Guida Guida

Ricevere in regalo dal proprio gatto le prede di caccia può non essere piacevole, ma si tratta di un gesto istintivo che sottende la sua voglia di prendersi cura di voi. Va quindi apprezzato il gesto simbolico senza offenderlo. Questa guida ti spiega come fare

I gatti che vivono sempre in casa probabilmente non faranno mai trovare strani “regali” ai loro proprietari. Ma quelli abituati a entrare e uscire di casa ci proveranno. L'esperienza non è di quelle che ci si augura quando si adotta un gatto. Tuttavia, per amore suo bisogna imparare a gestirla con molto tatto e fare buon viso a cattivo gioco.

Vi dimostra il suo affetto prendendosi cura di voi

Si tratta quasi sempre di piccoli animali morti (topi, rane, uccelli, ecc.) che il gatto cattura per istinto predatorio più che per necessità e di cui poi fa “gentile omaggio” ai suoi proprietari. E, infatti, è un comportamento tipico negli esemplari in cui tale istinto è particolarmente spiccato o nelle gatte sterilizzate che, non avendo gattini da accudire, sfogano il loro istinto materno prendendosi cura di voi, ovvero procurandovi il cibo. Può non essere piacevole svegliarsi la mattina e ritrovarsi con questo tipo di “regalini” davanti la porta di casa o, peggio, a letto. Ma dal suo punto di vista è un ripetere ciò che mamma gatta faceva con lui quando era piccolo e non aveva ancora appreso le tecniche di caccia. Una "gentilezza" a cui non è, quindi, il caso di rispondere con scortesia. 

Come comportarsi

La cosa migliore da fare quando il vostro gatto vi porta dei “regali” è di apprezzare il significato simbolico del gesto e liberarsi del piccolo cadavere senza offendere il suo amor proprio.

  1. Appena trovate il “regalo” lodatelo e accarezzatelo in abbondanza: state certi che sarà nei paraggi se non direttamente seduto ad aspettare voi vicino alla sua preda.
  2. Raccogliete il “cadavere”, ma liberatevene gettandolo via solo quando il vostro gatto non starà guardando.
  3. Non sgridatelo né picchiatelo: per lui è una comportamento istintivo e non riuscirebbe a comprendere il motivo della vostra reazione negativa nemmeno se arrivasse subito, al momento dell’arrivo con la preda in bocca.


 

 

Liberi di uscire solo se vaccinati

I gatti che vivono liberi di entrare e uscire da casa dovrebbero essere sempre vaccinati almeno contro le malattie più note e frequenti in questa specie: rinotracheite (herpes virus), calicivirosi (calici virus) e gastroenterite virale (panleucopenia) i cui rispettivi vaccini fanno parte del cosiddetto trivalente obbligatorio.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Animali e cuccioli
SEGUICI