Come fare la bonifica di un tetto in eternit

Guida Guida

Per bonificare un tetto in eternit evita il fai da te e rivolgiti a ditte specializzate: le polveri contenenti fibre d'amianto, se inalate, sono estremamente nocive. 

Ancora troppi sono i tetti e le tettoie realizzate con lastre di eternit, il fibrocemento messo al bando da ormai diversi anni: per effettuare la bonifica di una copertura in amianto occorre procedere in totale sicurezza affidandosi a ditte specializzate ed evitando il fai da te.

La bonifica dell'amianto può avvenire tramite rimozione, incapsulamento e confinamento: la rimozione è certamente il procedimento più radicale in quanto comporta l’eliminazione totale della fonte del rischio mentre gli altri due trattamenti rappresentano delle soluzioni transitorie.

L’incapsulamento consiste nel trattare l’amianto con prodotti ricoprenti, che costituiscono una sorta di pellicola di protezione, mentre il confinamento consiste nell’installare delle barriere in modo da isolare l’eternit.

Il trattamento di rimozione invece comporta per i lavoratori elevati livelli di rischio nonché la produzione di contaminanti ambientali e rifiuti nocivi che devono essere opportunamente smaltiti: tutto ciò implica maggiori costi e tempi di lavorazione più lunghi.

Nel caso della rimozione dell’eternit i lavoratori che entrano in contatto con le fibre di amianto devono proteggersi con una tuta intera comprensiva di cappuccio, guanti, copriscarpe o stivali di gomma e maschere di protezione delle vie aeree.

Le lastre di eternit devono prima essere irrorate con prodotti collanti per impedire alle fibre di amianto di staccarsi dal cemento e liberarsi nell’aria

In seguito le lastre di eternit rimosse dal tetto vanno spostate manualmente con utensili appositi e rinchiuse in imballaggi non deteriorabili.

Poiché le lastre devono rimanere integre non bisogna usare né seghe né trapano né altri strumenti di perforazione: le fibre d’amianto potrebbero disperdersi nell’aria ed essere inalate da chi non ha l’opportuna maschera protettiva.

Infine tutti i materiali vanno etichettati a norma di legge e portati nelle discariche autorizzate allo smaltimento dell’eternit.

Foto © Lucaz80 - Fotolia.com

Decontaminazione degli indumenti

Una volta terminato il lavoro di bonifica delle lastre di eternit si deve procedere anche alla decontaminazione degli indumenti protettivi indossati.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI