Come vestire sostenibile ed etico: i laboratori di carcere

Guida Guida

 E' possibile vestire in modo etico? Scopriamo i laboratori di carcere.

Esiste una via per abbracciare una moda piacevole, ma anche etica e sostenibile? Le strade sono molte, alcune le abbiamo già viste come ad esempio le proposte dei negozi equi e solidali, ma altre iniziative sono altrettanto meritevoli.

Un caso di moda sostenibile e etica al 100% è il frutto del lavoro delle persone che stanno attraversando un periodo di detenzione in carcere. In particolare le donne detenute sempre più spesso vengono coinvolte in laboratori per la creazione di articoli da vestire e accessori, come borse, borsellini e astucci.

Moda etica e sostenibile, quante opportunità!

L'aspetto fondamentale di queste attività, oltre alla produzione di oggetti piacevoli e vendibili, è la possibilità di imparare un lavoro e autoaffermarsi durante una fase della vita certamente difficile come può essere il tempo trascorso in carcere. Un piccolo lavoro come questo può diventare una grande risorsa per il futuro.

Spesso i manufatti realizzati in carcere sono anche sostenibili, un altro elemento che ci piace molto: infatti per avviare questi laboratori si parte spesso da materiali di recupero, ad esempio scampoli offerti da aziende locali o abiti da rivedere e riciclare in qualcosa di nuovo.

Dove si possono acquistare questi prodotti? Una breve ricerca on-line vi farà trovare le associazioni che se ne occupano in varie parti d'Italia, ma si trovano anche nei mercati equi e solidali e nei negozi che offrono prodotti locali, alimentari e non.

© PicciaNeri - Fotolia.com

 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI