Come difendersi dall’inquinamento domestico dei gas di combustione

Guida Guida

Un po' di attenzione per difendersi dall’inquinamento domestico causato dai gas di combustione come il biossido di azoto o di zolfo e il monossido di carbonio

Tra i contaminanti chimici che inquinano laria delle nostre case i più diffusi sono certamente i gas di combustione come il biossido di azoto (NO₂), il biossido di zolfo (SO₂) e il monossido di carbonio (CO).

Il biossido di azoto è un gas tossico dall’odore forte e dal grande potere irritante che insieme al biossido di zolfo costituisce il maggior responsabile del fenomeno delle piogge acide.
Nelle abitazioni con scarso sistema di ventilazione la concentrazione di biossido di azoto deriva da apparecchi di combustione come sistemi di riscaldamento a legna, a gas a cherosene ma anche da fornelli, stufe nonché dal fumo di tabacco.

Anche la concentrazione di biossido di zolfo dipende dalla presenza in casa di stufe, forni, fumo di tabacco e impianti di riscaldamento a gas e cherosene

Il monossido di carbonio, un gas inodore e incolore altamente tossico proviene dalla combustione incompleta di materiali contenenti carbonio e può derivare dal malfunzionamento di fornelli, stufe e camini installati o mantenuti erroneamente.

Esporsi per lunghi periodi anche a basse concentrazioni di biossido di azoto può portare a infezioni delle vie respiratorie come bronchiti croniche, asma ed enfisema polmonare. Esporsi al biossido di zolfo porta a tracheiti, irritazione delle mucose, asma, bronchiti e aumento del ritmo cardiaco.

Ben più gravi sono le conseguenze dell’esposizione al monossido di carbonio: a seconda della quantità inalata si può andare da affaticamento, dolori al torace, mal di testa, nausea, vertigini fino ad arrivare in caso di elevate concentrazioni alla morte.

Per prevenire dunque possibili intossicazioni è bene effettuare un’adeguata e periodica manutenzione di tutte le apparecchiature presenti in casa nonché del sistema di riscaldamento, dei condotti di scarico e dei camini

Andrebbe evitato l’uso di fornelli a gas per il riscaldamento della casa e assicurarsi che fornelli e stufe abbiano uno sfogo verso l’esterno. Inoltre è buona abitudine aerare gli ambienti chiusi soprattutto nelle ore di minor traffico automobilistico.

Foto © Ljupco Smokovski - Fotolia.com 

Attenzione al cherosene

E' importante cercare di non usare stufe a cherosene in spazi chiusi senza aerazione adeguata
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI