Orchidea senza foglie e radici scoperta in Australia

Guida Guida

Scoperta in Australia una rara orchidea che vive sottoterra e non necessita della fotosintesi clorofilliana per sopravvivere. 

Si chiama Rhizanthella slateri, l'orchidea sotterranea orientale dai fiori violacei recentemente scoperta in alcune zone dell’Australia sud-orientale.
 
Questa rarissima orchidea ha una particolarità che la rende straordinaria e cioè quella di vivere nel sottosuolo e di non presentare né foglie né radici: in pratica questa orchidea non effettua la fotosintesi.
 

Alcuni esemplari di questa specie cono stati inviati in Olanda per effettuare dei test genetici: nei laboratori si dovrà determinare se si tratta di una specie unica

Come ha spiegato Greg Steenbeeke, funzionario per le specie minacciate del Dipartimento dell'Ambiente, questa orchidea non ottiene energia dal sole bensì dai miceti che sostituiscono il sistema dell’apparato radicale per ottenere nutrimento.
 
Ottenendo la sequenza del codice genetico di questa pianta, i botanici potranno compararla ad altre piante che non effettuano la fotosintesi e potranno così capire come si sono evolute e diffuse nel mondo.
 
Inoltre dagli studi effettuati si potrà capire quale tipo di habitat preferisce questa orchidea dai fiori che sbocciano nel sottosuolo da settembre a novembre, ovvero durante la primavera australe.
 
Una volta eseguiti i test, la sequenza genetica verrà inclusa nella Genbank, una banca dati globale a cui potranno aggiungersi altre orchidee sotterranee, al fine di mappare le variazioni tra ogni singola pianta.

Lo studio delle differenze genetiche di queste piante servirà nel caso la loro sopravvivenza sia in pericolo a seguito del riscaldamento globale.

Foto © racamani - Fotolia.com

Le orchidacee

Le orchidacee, molto sensibili ai cambiamenti climatici, sono specie dalla biologia assai particolare perché si riproducono con enorme difficoltà in natura.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI