Negli oceani 269 mila tonnellate di plastica

Guida Guida

Pesata per la prima volta tutta la plastica presente negli oceani: ci sarebbero ben 269 mila tonnellate di plastica che inquinano e minacciano la catena alimentare del pianeta. 

Nelle acque degli oceani galleggerebbero circa 269 mila tonnellate di plastica: a stabilirlo la più completa ricerca scientifica sull’inquinamento da plastica mai condotta finora.

Diversi scienziati americani, cileni, australiani e neozelandesi sono arrivati a questo dato dopo sei anni di lavori e 24 spedizioni compiute tra il 2007 e il 2013 nel nord e sud dell’oceano Atlantico e Pacifico, nell’oceano Indiano, e lungo le coste australiane e del golfo del Bengala.

Attraverso modelli oceanografici è stata compiuta una stima globale che ammonterebbe a 5.250 mila miliardi di particelle di plastica che corrispondono a un peso di quasi 269 mila tonnellate

Lo studio ha permesso di notare che i pezzi di plastica più grandi sono vicini alle coste ma la maggior parte di plastica è presente nei mari sotto forma di microplastica, cioè di particelle che misurano meno di 5 millimetri: ce ne sarebbero circa 5 milioni di miliardi.

È stato difficile stabilire l’ammontare totale di plastica presente in mare, ma il suo peso è maggiore dell’intera biomassa degli esseri umani: un problema che purtroppo è destinato a peggiorare.

Gli scienziati hanno trovato queste particelle di plastica negli angoli più remoti del pianeta e ciò porta a dedurre che i vortici oceanici, con la loro potenza, disintegrano in microframmenti i pezzi di plastica disperdendoli nelle acque.

Come ha spiegato una delle autrici dello studio, Julia Reisser, in prossimità dei vortici oceanici era come immergersi in una sorta di “zuppa di plastica” perché dopo aver calato la rete si raccoglieva più plastica che vita marina.

A causare questo inquinamento sono sia il settore dell’abbigliamento che l’industria alimentare, in particolare gli imballaggi di cibi e bevande.

Purtroppo i frammenti di plastica più grossi soffocano foche e tartarughe, i pezzi più piccoli invece vengono ingeriti dai pesci e, tramite la catena alimentare, arrivano sulle nostre tavole, senza contare poi le sostanze chimiche contenute nella plastica.

Foto © frinz - Fotolia.com

Great Pacific Garbage Patch

Si contano cinque principali vortici oceanici inclusa la cosiddetta isola di plastica del Pacifico, una Grande Chiazza di Rifiuti del Pacifico che si è formata negli anni Cinquanta ed è continuamente alimentata dagli scarti che provengono per il 20% da navi e dalle piattaforme petrolifere e per l'80% direttamente dalla terraferma.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI