Bambini Indaco: chi sono e come riconoscerli

Guida Guida

Una teoria affascinante sostiene l'esistenza di bimbi dotati di particolari capacità: ecco come riconoscerli.

Basata sull'idea che ciascuna persona sia circondata da una particolare aura, ovvero un alone di un colore specifico, quella dei "Bambini Indaco" è una teoria pseudo-scientifica di cui si parla dal 1985 ma che oggi sembra trovare nuovi sostenitori.

La prima a parlare di Bambini Indaco, ovvero bambini circondati da un'aura speciale, dal caratteristico colore indaco, tonalità tra il viola e il blu, è stata la psicologa Nancy Ann Tappe.

Secondo quanto sostenuto dalla Tappe, i bambini Indaco sono bimbi con capacità eccezionali, venuti al mondo proprio per imprimere un cambiamento positivo all'umanità.

In seguito, le tesi della studiosa furono poi riprese da un sensitivo, Lee Carroll e da sua moglie, che proprio alla teoria dei Bambini Indaco dedicarono un saggio diventato una vera e propria pietra miliare per gli appassionati del genere.

Ma chi sarebbero dunque i Bambini Indaco e come si possono riconoscere? Ecco alcune caratteristiche individuate dai sostenitori di questa suggestiva tesi.

  • Poteri paranormali. I Bambini Indaco sarebbero bimbi dotati di straordinarie capacità. Un esempio su tutti? Sarebbero in grado di parlare con gli angeli.
  • Molto sensibili. Si tratterebbe poi di bimbi molto sensibili, in alcuni casi particolarmente affabili e socievoli, in grado di parlare con chiunque, in qualsiasi situazione.
  • Iperattivi. Un'altra caratteristica dei Bambini Indaco, sarebbe quella di essere iperattivi. Non riescono a stare fermi, né a concentrarsi su una sola attività alla volta.
  • Riluttanti alle regole. Imporre delle regole a questi bimbi risulterebbe particolarmente difficile. Si dimostrano infatti ribelli a quasiasi tipo di disciplina o regola imposta.
  • Intelligenza superiore alla norma. Anche le loro capacità intellettive risulterebbero speciali. Sarebbero infatti bambini che manifestano una grande curiosità per tutto ciò che cli circonda, una spiccata propensione alla lettura e, in alcuni casi, un'indole fortemente creativa.
  • Propensione alla tecnologia. Anche la facilità di avvicinarsi alle nuove tecnologie sarebbe una caratteristica spesso comune di questi bimbi "speciali".

Proprio in virtù di questi tratti peculiari, secondo gli studiosi, i Bambini Indaco sono quelli che la medicina tradizionale individua come affetti da disturbi dell'attenzione o ADHD.

Foto © iprachenko - Fotolia.com

 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI