Un gps nelle scarpe per monitorare i malati di Alzheimer

Guida Guida

In aiuto delle persone affette da Alzheimer e demenza senile arrivano le scarpe dotate di gps per rintracciarle in ogni momento.

Spesso capita che i malati di Alzheimer non siano in grado di ritornare a casa se escono senza un accompagnatore. Sono tanti i casi di anziani dispersi e ritrovati dai passanti o da pattuglie della polizia mentre vagano in stato confusionale.

In loro aiuto arriva un’invenzione messa punto dall'azienda americana GTX Corp che ha lanciato sul mercato le scarpe con un sistema GPS incorporato.

Queste scarpe funzionano come i sistemi satellitari delle auto: il dispositivo si inserisce nella suola e non dà nessun fastidio mentre si cammina

Chi soffre di Alzheimer, se indossa queste scarpe e si allontana di casa senza accompagnatore, può essere rintracciato facilmente perché il segnale lanciato dal gps può essere osservato in tempo reale su uno smartphone.

In questo modo la posizione di chi le indossa viene sempre tenuta sotto controllo e, se supera un raggio massimo di sicurezza prestabilito, viene inviato un messaggio al cellulare di chi deve accertarsi della sicurezza della persona.

La batteria del GPS incorporato dura circa due giorni se usata di continuo, ma si può ricaricare nell’arco di un paio d’ore con una comune presa elettrica. Tuttavia i produttori della GTX consigliano di far indossare le scarpe ai malati solo quando escono di casa in modo da non consumare la batteria se stanno in casa.

Attualmente le scarpe costano 250 dollari e sono già disponibili in Europa sul mercato inglese: si presume che, data la diffusione dell'Alzheimer le scarpe verranno presso rese disponibili anche negli altri paesi

Chi soffre di Alzheimer è soggetto a vuoti di memoria improvvisi se si trova in un luogo sconosciuto: i malati possono uscire per una normale passeggiata e perdere la strada per tornare a casa.

Con questo tipo di scarpe i malati di Alzheimer, potranno continuare a fare le loro passeggiate quotidiane senza perdere le abitudini di sempre e al contempo, in caso di allontanamento involontario, saranno facilmente rintracciabili.

Foto @www.ubergizmo.com

Alzheimer in Italia

In Italia ci sono approssimativamente 600mila malati di Alzheimer, la forma più comune di demenza degenerativa progressivamente invalidante.

 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Hobby e tempo libero
SEGUICI