Come mangiare i dolci senza esagerare

Guida Guida

L'organismo può sopportare un determinato apporto zuccherino al giorno. Ecco come mangiare dolci senza mettere a rischio la propria salute.

Con l’avvicinarsi della stagione fredda, in questi ultimi giorni d’estate, molti di noi sono tentati dal fare le ultime scorpacciate di gelati, o di quei dolci o quelle specialità – bevande incluse – che spesso trascuriamo nei mesi più caldi (per esempio le tavolette di cioccolata).

È importante, però, non esagerare, poiché superare l’apporto zuccherino sopportabile dal nostro organismo può avere conseguenze più o meno gravi a seconda del nostro stato di salute

I diabetici in particolare devono stare più attenti. Ma qual è la dose massima giornaliera che gli esperti consigliano di assumere?

I limiti si attestano al 10-15% dell’apporto calorico complessivo, corrispondenti, per una dieta media di 2100 calorie, a 56-84 grammi di zuccheri semplici. È possibile controllare la quantità di zucchero ingerita, verificando con attenzione le etichette dei cibi e delle bibite già pronti. Alla voce carboidrati sono indicate le quantità di zuccheri semplici e complessi (amidi) che vi sono contenute.

Per meglio aiutarci in questo, gli esperti consigliano di attenersi alle seguenti regole:

  • Limitare il consumo di bibite e alimenti dolci nel corso della giornata
  • Non eccedere nel consumo di dolci spalmabili (marmellate, confetture, miele, creme)
  • Su tutti, preferire i prodotti da forno tradizionali, come biscotti e torte non farcite, i quali contengono meno grassi e zuccheri, e più amidi
  • Prestare attenzione anche al tipo di zucchero prevalente nel prodotto consumato: i cibi contenenti molto saccarosio e in special modo quelli che si attaccano ai denti (ad esempio caramelle morbide e torroni), sono da evitare
  • Non lasciarsi ingannare dal mito dello sugar-free, dell’ipocalorico (light) o del dolcificante sostitutivo: pur non essendoci zuccheri aggiunti, in questi cibi potrebbero essere comunque presenti gli zuccheri costitutivi degli ingredienti, dunque occorre prestare attenzione ai quantitativi indicati in etichetta e moderare di conseguenza il consumo.

Photo Crediti: Photopin via Shironekoeuro

Fonte: INRAN

Lo zucchero è ritenuto il principale responsabile della formazione della carie. Ciò è assolutamente vero, ma tale fenomeno è favorito anche da una cattiva igiene orale: lasciar passare molto tempo prima di lavarsi i denti dopo aver consumato cibi dolci è ugualmente dannoso, che esagerare nel consumo. Per cui meglio usare subito spazzolino e dentifricio, dopo un bel dolce.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI