Come bisogna comportarsi in caso di bruciore agli occhi?

Da cosa è causato il bruciore degli occhi? Scopriamo con l'esperto Domenico De Felice l'origine di questo fastidio e i semplici accorgimenti per evitarlo 

Il bruciore oculare non è generalmente causato da una patologia importante ma piuttosto dovuto ad una carenza di film lacrimale. Le lacrime riducono infatti l'impatto delle due parti dell'occhio esposte: la cornea, più anteriore ed indispensabile come mezzo di visione delle immagini, e la congiuntiva, membrana che richiude a sacchetto la parte bianca dell’occhio (quella tecnicamente definita “sclerale”).

Il sintomo principale è il sentire l'occhio, il sentire l'aria; il rossore invece è un segno che disturba esteticamente ma indispensabile per la difesa dell'occhio che diviene rosso per l'attrito della palpebra e perché, dilatando in questo modo i vasi (origine del rossore), porta un maggior afflusso di ossigeno ai tessuti.

Il mio consiglio è quello di lavare spesso gli occhi con acqua fredda ed utilizzare le lacrime artificiali esclusivamente in assenza di acqua o quando si è truccati: è la soluzione adatta per combattere il fastidio senza irritare ulteriormente la parte.

Come si effettua il lavaggio dell’occhio?

  • Innanzitutto è importante lavarsi bene le mani
  • Quindi raccogliete l’acqua nel palmo delle mani a conca e bagnate ad occhi aperti l’occhio più volte
  • Usate solo acqua fresca

L’occhio non va mai strofinato e irritato ulteriormente con fazzoletti da borsa o da tasca che probabilmente non sono puliti. Si possono invece usare fazzoletti di carta per detergere ma solo quando la lacrima arriva sulla guancia. Evitate colliri inutili, astringenti o meno. E utilizzate lacrime artificiali solo se vi trovate in assenza di acqua fredda.

Foto Credit © vadymvdrobot - Fotolia.com

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI