Come illuminare la cucina

Guida Guida

Consigli su come illuminare in modo giusto ed efficiente la tua cucina. 

Le cucine moderne sono composte da strutture e attrezzature volte a rendere facile, veloce ed igienico il lavoro di preparazione dei pasti: per questo motivo il tipo di illuminazione più idoneoa deve essere tale da rendere sicuro il lavoro domestico oltre che a mettere in risalto l’attività di chi cucina.

La cucina infatti tende sempre più a diventare, oltre che un luogo di convivialità, anche una sorta di palcoscenico in cui lo chef si esibisce e mette in mostra le proprie abilità: la luce dovrà allora orientare lo sguardo degli ospiti sia sui gesti compiuti durante le operazioni gastronomiche sia sui colori dei vari alimenti preparati. A tal fine si tenderà allora ad installare una luce generale diffusa nel locale, distribuita uniformemente su pavimenti e fronte verticale dei mobili, e una luce localizzata attraverso fasci luminosi sui piani di lavoro come il tavolo, il piano di cottura e il lavello.

Sarà perciò più opportuno installare gruppi di apparecchi luminosi, muniti di accensione e spegnimento differenziato, in modo da adattare l’illuminazione alle diverse esigenze del momento.
Un aspetto molto importante riguarda la sicurezza: una buona illuminazione aiuta a prevenire eventuali infortuni soprattutto causati da disattenzione e oscurità, ecco perché le ombre, responsabili di una visione difficoltosa e poco uniforme, vanno controllate.

Le sole fonti di luce poste al centro del locale, come accadeva in passato, generano ombre sui piani di lavoro: per risolvere questo problema occorre aggiungere apparecchi a sviluppo lineare, compatti e di piccolo spessore e che si mantengono a temperatura ridotta per rispettare i materiali circostanti.

Ideali sono le lampade fluorescenti lineari di piccolo diametro (dai 16 ai 7 millimetri) o anche i moduli LED, in fila continua, dotati di dispersori termici alla base.

Nelle cucine moderne tendono poi a trovare spazio ampi e voluminosi ripostigli, armadi e frigoriferi, insomma tutta una serie di contenitori le cui dimensioni non sono più comparabili con i classici e vecchi mobili con antine e cassetti. Tali contenitori richiedono un’illuminazione adeguata al loro interno: per salvaguardare l’integrità del materiale e dei prodotti conservato occorrerà installare dei sistemi di illuminazione con ridotta generazione di calore.
 

photo Kitchen Overview via photopin.com

Luce ad ampio spettro

Per l’illuminazione diffusa della cucina usa una luce ad ampio spettro con temperatura di colore media intorno ai 3000 K.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI