Donald Trump, il suo immenso patrimonio immobiliare

Notizia Notizia

Dalla casa della sua infanzia nel Queens alla Casa Bianca: scopriamo le case in cui ha vissuto e quelle che ha costruito il nuovo presidente degli Stati Uniti. 

Donald Trump, il suo immenso patrimonio immobiliare

Donald Trump, neo presidente degli Stati Uniti, vanta un patrimonio immobiliare straordinario costruito nel tempo tramite acquisizioni di grattacieli e dimore di lusso.

Donald Trump, che da gennaio 2017 risiederà alla Casa Bianca, ha comprato, venduto e costruito case a partire dagli anni Settanta creando un potente impero immobiliare

Già suo padre Fred era una figura importante nell’imprenditoria immobiliare: Fred Trump ha infatti costruito oltre 27.000 appartamenti e villette a schiera nei pressi di Coney Island, Brooklyn e nel Queens, dove,  in una villetta di mattoni rossi, all’ 85-15 Wareham, Donald ha trascorso la sua infanzia.

Se Fred Trump è stato un grande costruttore di alloggi in affitto a prezzi accessibili, Donald invece ha preferito intraprendere un’altra strada e cioè di investire e costruire dimore di lusso per una clientela facoltosa.

Negli anni Settanta Donald inizia a costruire il suo impero e sposa Ivana: la famiglia Trump vive tra l’attico al The Phoenix in Lenox Hill e la lussuosa proprietà Indian Harbor a Greenwich, nel Connecticut: questa immensa villa di oltre 1800 mq, circondata da un parco di 5,8 acri, viene acquistata per 4 milioni di dollari e poi venduta nel 1998 per 15 milioni di dollari.

Nei primi anni Ottanta Donald diventa sempre più celebre ed è proprio in questo periodo che ricostruisce a Manhattan il Commodore Hotel e, nel 1983, la Trump Tower, un grattacielo di 58 piani. Nella sua torre, Trump possiede gli ultimi tre piani: gli appartamenti, arredati in stile Luigi XIV, sono un tripudio di opulenza con marmi, ori, sete e arredi preziosi.

Segue poi un’ulteriore espansione immobiliare che porta Trump ad acquistare, nel 1985, per 10 milioni di dollari, Mar-a-Lago, una mega tenuta di 126 camere e 69mila mq su Ocean Boulevard. Nel 1988 invece compra il Plaza Hotel rivenduto nel 1995 a Richard Campbell per 325 milioni di dollari.

Per la sua residenza estiva Trump acquista per 7,5 milioni di dollari Seven Springs, una villa in stile Tudor a West Chester con 60 locali, 15 camere da letto, tre piscine e un parco enorme.

Nel frattempo Trump compra, rinominandoli, anche il Trump Parc, il Trump Park Avenue e la Maison de L’Amitie per 41,4 milioni di dollari che poi rivende per 95 milioni a Dmitry Rybolovlev.

Tra le megaproprietà di Trump ci sono anche una villa a Beverly Hills, in Rodeo Drive, e la Trump Vineyard Estates in Virginia dove produce vino.

Foto Dagospia

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI