Come scegliere la case vacanze on-line senza rischiare

Guida Guida

Scegliere una casa su internet per le vacanze: sono moltissimi a farlo ma dietro offerte troppo allettanti o indicazioni poco chiare si cela il rischio fregatura. 

Le vacanze di Natale si stanno avvicinando e il desiderio di passare qualche giorno in una bella baita di montagna alletta chiunque. Se hai deciso di partire per le vacanze prendendo in affitto una casa on-line fai però molta attenzione perché in rete si annidano offerte truffa camuffate da last minute.

Le occasioni da prendere al volo, e a prezzi vantaggiosi, interessano tutti ma potrebbero rivelarsi delle grosse fregature se non si presta la dovuta attenzione alle condizioni, ai diritti e agli oneri eventualmente contemplati nel contratto di compravendita.

Innanzitutto bisogna diffidare delle offerte che, pur mostrando belle fotografie dell’immobile, chiedono un prezzo basso: qualcosa non quadra e come minimo occorre chiedere ulteriori foto sia dell’interno che dell’esterno della casa.

Sono da preferire gli annunci che consentono di prenotare direttamente sul web, tramite un form, invece di quelli per cui occorre fare la prenotazione via e-mail o per telefono: tieni presente che gli annunci più datati sarebbero stati già bloccati se falsi.

L’inserzionista deve fornire i propri dati in modo esauriente: non fidarti di chi non risponde al telefono e temporeggia. Diffida inoltre se ti viene richiesto di saldare il conto attraverso carte prepagate, vaglia o agenzie di money transfer, l’unica forma di pagamento sicura resta il bonifico bancario o la carta di credito.

Presta attenzione all’Iban o al conto corrente del proprietario: se risultano all’estero, anche se la casa vacanze da affittare è in Italia, c’è qualcosa di strano.

Di solito non viene subito richiesta l’intera cifra per l’affitto di una casa vacanza ma solo una caparra e dopo che si è giunti sul posto dopo aver controllato che tutto funzioni e sia nella norma si salda il conto dopo la firma del contratto e il rilascio della regolare ricevuta di pagamento.

Foto © Andreas Schindl - Fotolia.com

Meno di 30 giorni

Se l’affitto della casa vacanza è inferiore ai 30 giorni non c’è alcun obbligo di registrazione a meno che non si abbia a che fare con cittadini stranieri, in tal caso la denuncia alla Polizia va fatta entro 48 ore.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI