Come coltivare una pianta di mandarino cinese

Guida Guida

La pianta di mandarino cinese è molto bella e offre frutti colorati e gustosi: in questa guida vediamo come coltivarla al meglio e senza fatica  

Il mandarino, agrume molto amato e consumato in grandi quantità, nasce su una pianta dallo stesso nome (anche detta Fortunella, dal genere, o Kumquat): vediamo come coltivare una pianta di mandarino cinese, ricca di frutti e anche molto bella a livello estetico, ideale per un balcone colorato o un angolo di giardino da valorizzare. Vediamo come procedere.

Questa pianta è coltivabile tramite seme (coltivazione difficile e spesso con risultati scadenti), innesto oppure comprando una piantina appena nata, controllando, al momento dell'acquisto, che i rami non siano infestati dai parassiti.

E' molto importante che il terreno sia umido e non vi sia muschio in crescita, pericoloso per un corretto sviluppo.

La posizione ideale per questa pianta è in un vaso di terra cotta ampio (in modo che le radici crescano a dovere) ma senza eccedere altrimenti potrebbero svilupparsi più foglie che frutti.

E' molto utile mettere sul fondo del vaso uno strato di ghiaia o argilla espansa, in modo che il drenaggio sia positivo e non vi siano ristagni.

Fondamentale è una buona buona esposizione al sole e a temperature che non vadano sotto i 4-5 gradi. La zona deve essere arieggiata ma evitando venti troppo forti o freddi: anche per questo, durante i mesi invernali (soprattutto se non abitate al sud) è meglio riporre la pianta in casa o posizionarla sotto una tettoia protetta.

Tenete il terreno umido bagnando con regolarità ma senza esagerare, inoltre, tagliate i rami secchi per una coltivazione corretta.

Buon lavoro!
 

Marmellata

Con i frutti di questa pianta puoi fare una deliziosa marmellata, prova!
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI