Come coltivare i funghi champignon

Guida Guida

Volete coltivare i funghi champignon? Potete farlo nel vostro orto senza grandi difficoltà, ecco alcuni consigli pratici  

Dopo aver parlato dei porcini, coltivabili nell'orto (anche se con qualche difficoltà), passiamo ad un altro tipo di fungo molto amato, lo champignon.

Questo fungo, gustoso e ideale per molte ricette, può essere coltivato, ma anche in questo caso è necessaria una buona dose di pazienza e condizioni meteo ideali.

In questa guida vediamo come coltivare i funghi champignon per poi gustarceli in mille modi.

Per far crescere i funghi champignon, sono necessari dei contenitori: ideali sono le cassette della frutta di legno, pulite e rivestite con della plastica. Sopra questo dovete mettere il composto, formato da un mix di letame, paglia, pollina e residuri vegetali, tutti mescolati e compattati a dovere.

Preparato il composto, bagnatelo per renderlo bello umido e lasciatelo a fermentare per un paio di settimane, in modo che l'assorbimento del nutrimento sia totale.

A questo punto, pastorizzate il tutto lavando con acqua calda che elimini la microflora: questa va tolta per non "rubare" nutrimento.

Per coltivare il fungo in oggetto, è necessario avere il micelio di champignon: potete trovarlo nei consorzi agrari ad un buon prezzo. Una volta procurato, fate dei buchi nel terreno precedentemente preparato, profondi un paio di centimetri e versate il micelio. La quantità deve essere di circa un cucchiaio per buco.

Coprite bene e bagnate per poi lasciare un'altra decina di giorni la terra in fase d'incubazione, in cui comincia ad emergere l'aroma del fungo. Durante questo periodo è importante che la temperatura non sia troppo bassa ma neanche alla luce del sole: un luogo sui 25 gradi con buona umidità e nessuna ventilazione è l'ideale.

Durante questi giorni, bagnate costantemente il terreno, evitando però i ristagni che comprometterebbero la coltivazione.

A tal punto, mettete uno strato di terra calcarea e sottile sopra al composto, bagnate bene e compattate il tutto: questa operazione va fatta ad una temperatura di 15-18 gradi.

Dopo 13-16 giorni, vedrete spuntare i funghi, da lasciar crescere fino alla dimensione che ritenete più opportuna, raccoglieteli, cucinateli come preferite e buon appetito!

© Natika - Fotolia.com

Raccolta

Se ami raccogliere i funghi nei mesi invernali e sei alle prime armi, ricorda di farlo con un esperto o comunque di far controllare il raccolto ad una persona che conosce bene i funghi: non è difficile raccoglierne di velenosi senza accorgersene.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI