Come coltivare l’elleboro

Guida Guida

L’elleboro, pianta perenne, rustica e dai fiori leggiadri, tende a sbocciare nel periodo più fresco dell’anno: impara a coltivarla correttamente. 

Gli ellebori piante perenni a radice rizomatosa appartengono alla famiglia delle Ranuncolaceae e comprendono circa 15 specie e numerosi ibridi.

Gli ellebori presentano foglie persistenti,  più o meno coriacee, e fiori variamente colorati, piatti o a coppa che sbocciano da dicembre ad aprile.

Essendo una pianta originaria di zone montuose e collinari l’elleboro non ama il caldo, per cui è preferibile coltivarlo in una zona semi-ombreggiata: l’ideale sarebbe piantarli ai piedi di alberi o arbusti che lasciano filtrare i raggi solari.

Se posizionato in una zona soleggiata l’elleboro necessita di annaffiature molto regolari ed abbondanti in estate, anche se questo è il periodo di riposo vegetativo per cui non è richiesto un abbondante quantitativo di acqua.

E’ importante comunque evitare un’eccessiva umidità che rischierebbe di danneggiare le piante favorendo l’insorgere di malattie fungine.

Anche se gli ellebori si adattano bene a diversi tipi di terreno crescono meglio in un suolo con ph alcalino, profondo, ricco di materia organica e soprattutto ben drenato e privo di ristagni idrici.

Le piante di elleboro possono essere messe a dimora in qualsiasi momento dell’anno ad eccezione dei periodi più rigidi dell’inverno o più caldi dell’estate: basta scavare una buca profonda e larga 40 cm in cui adagiare la pianta con il colletto a filo del terreno.

La concimazione non è indispensabile anche se in autunno e dopo la fioritura si può favorire la crescita e la fioritura somministrando un concime a lenta cessione ricco di fosforo e potassio.

Se si vuole moltiplicare gli ellebori conviene usare il metodo di divisione per cespi da eseguire a fine estate in modo da consentire di produrre nuove radici prima del freddo autunnale e invernale: la pianta di almeno 4 o 5 anni, estratta dal terreno, si divide in due o tre parti da ripiantare immediatamente.

Foto © spinetta - Fotolia.com

Curare l’elleboro

Dopo la fioritura i fiori appassiti vanno eliminati per non affaticare la pianta con la produzione di semi.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI