Come recuperare gli infissi e gli arredi di un rustico

Guida Guida

Procedere al recupero degli infissi e degli arredi o delle suppellettili in legno è la parte forse più entusiasmante quando si restaura un vecchio rustico.

Prima di procedere alla ristrutturazione vera e propria di un vecchio rustico occorre valutare quali arredi e infissi siano recuperabili e quali invece non si potranno più riutilizzare.

Ad esempio alcuni mobili avranno bisogno di una semplice ripulita, altri necessiteranno di interventi più consistenti da parte di un restauratore, altri invece non saranno per niente utilizzabili.

Dopo aver spostato in un locale apposto le suppellettili e gli altri arredi, sarà il caso di controllare anche porte e portoncini, ante di stipetti e di nicchie murarie, scuri e persiane

Gli infissi in legno, a meno che non siano completamente devastati dai tarli, con una ripulita possono ritornare al loro splendore originario e lo stesso dicasi per le parti in ferro come i cardini, le maniglie e le serrature.

Di solito le porte interne rispetto a quelle esterne si presentano in un miglior stato di conservazione perché sono rimaste al riparo dalle intemperie: basterà sottoporle ad un recupero che prevede la sverniciatura, la stuccatura e una successiva riverniciatura.

Prima di iniziare il recupero degli infissi occorre togliere tutti gli oggetti di ferramenta da riutilizzare e poi bisogna procedere alla rimozione della vernice usando un riscaldatore termico o uno sverniciatore chimico.

Dopo aver portato a nudo il legno si lava la superficie e la si fa asciugare per bene, quindi si eliminano gli ultimi residui di vernice con una levigatrice o della carta abrasiva.

Durante queste operazioni è bene indossare guanti di gomma e una mascherina di protezione per non respirare la polvere e, se è possibile, lavorare all’aria aperta o in locali ben ventilati.

A questo punto si passa a rifinire gli infissi: per un’abitazione rustica è sicuramente indicata un tipo di rifinitura a cera oppure, nel caso il colore del legno sia troppo sbiadito, si può ricorrere ad un mordente per ravvivare il legno.

Infine dopo una lucidatura con la cera ad’api si procede a rimontare sugli infissi la ferramenta che era stata smontata in precedenza e che nel frattempo è stata ripulita.

Foto © chris32m - Fotolia.com

Restauro professionale

Per infissi e arredi di legno di un certo valore è meglio evitare il fai da te e rivolgersi a restauratori di professione: eviterai così di fare danni!
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI