Come usare il clicker nell’addestramento del cane

Guida Guida

Gli addestratori consigliano spesso l’uso del clicker per insegnare al cane comandi giochi ed esercizi. Questa guida ti aiuterà a capire a cosa serve e come usarlo.

Le tecniche di addestramento del cane più moderne prevedono l’uso di rinforzi positivi. In pratica si dà all’animale un premio, di solito un gioco, un bocconcino o altro premio alimentare, ogni qualvolta esegue correttamente ciò che gli si chiede di fare, esprimendogli allo stesso tempo, la propria soddisfazione dandogli un segnale chiamato segnale-ponte perché serve a collegare nella mente del cane la sua azione alla ricompensa.

Questo ponte può essere un gesto, ma più spesso un segnale sonoro, come una parola o un complimento detto con tono compiaciuto, per fargli capire quanto ci abbia fatto piacere il suo comportamento.

Gli allevatori suggeriscono di usare un gesto o una parola che sia sempre quella, ad esempio “bravo!” ripetuto più volte, per non confondere il cane. Oppure, meglio ancora, di utilizzare un suono che sia semplice e ripetibile perfettamente identico ogni volta, come quello emesso da appositi cicalini, detti "clickers". Questi dispositivi consentono la risposta migliore e più immediata al comportamento corretto per aiutare il vostro amico a quattro zampe a capire cosa vi aspettate da lui.

L’importante è sapere come introdurli nell’educazione del cane e come usarli per qualunque comando, esercizio o gioco gli si insegni.

Come introdurre l’uso del clicker

  1. Suonate il cicalino e date il premio alimentare al cane senza che abbia fatto nulla: dovete fargli associare il suono del clicker al premio.
  2. Ripetete quindi più volte per imprimere nella memoria questa associazione.

Come usare il clicker nel normale addestramento

1. Ora provate con un comando, per esempio il “vieni”:

  • Se il cane non lo conosce ancora, dategli il comando verbalmente e attiratelo verso di voi con del cibo, appena obbedisce suonate il clicker e dategli il premio.
  • Se è già stato addestrato e volete solo introdurre l’uso del clicker, dategli il comando verbale e appena arriva da voi dategli il premio che si aspetta e suonate il clicker. In entrambi i casi, ripetete più volte per associare alla risposta comportamentale corretta a un comando il suono del clicker e il premio.

2. Ora provate solo con il comando verbale senza premio alimentare:

  • Se il cane arriva subito al comando “vieni” senza esitazioni suonate il clicker, ripetendo più volte in questo modo e alternando qualche volta alla “vecchia maniera”, clicker più premio, il cane imparerà che rispondendo correttamente a un comando otterrà un suono (la sua ricompensa verbale) e forse un premio.
  • Se obbedisce al comando solo in parte suonate il clicker e dategli il premio: lo incoraggerete a fare la cosa giusta e presto potrete passare ai tentativi senza premio alimentare.

3. Ricordatevi di non fare sessioni di addestramento troppo lunghe (massimo 15 minuti) ripetendo semmai più volte al giorno.

4. Alla fine della sessione dategli sempre il premio alimentare senza alcun comando e contemporaneamente suonate il clicker.

5. Nella sessione successiva potete ripartire dallo stesso comando o provare a introdurre il clicker con un altro comando nuovo o già conosciuto: dopo 2-3 comandi imparerà che alla risposta giusta a qualsiasi comando gli viene dato riceve il suono e forse un premio alimentare.

photo credit: bullcitydogs via photopin

Funziona anche col gatto

L’addestramento basato su rinforzi positivi (premio e/o clicker) viene utilizzato anche per altri animali come scimmie delfini e persino gatti. I piccoli felini possono imparare infatti giochi o semplici esercizi se opportunamente addestrati. E il clicker può aiutare: in commercio ne esistono di un po’ più piccoli fatti apposta per emettere un suono che sia loro gradito.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Animali e cuccioli
SEGUICI