Il traffico di animali esotici vale 2 miliardi

Guida Guida

In Italia il traffico di animali esotici vale circa 2 miliardi ogni anno: dal commercio di pelli di rettile a quello di tartarughe, scimmie e altre specie protette. 

Secondo una stima il traffico di animali esotici muove in Italia, ogni anno, un giro d’affari di 2 miliardi di euro mentre nel mondo di circa 100 miliardi.

Purtroppo il nostro paese è al primo posto per l’acquisto di pelli di rettile usate per la realizzazione di borse e detiene il monopolio dell’importazione delle lane provenienti dal Sud America

Ciò si spiega facilmente con il forte ruolo che ha l’industria della moda italiana: i grandi stilisti possono importare solo un certo numero di quote di pelle di serpente con tanto di certificato allegato ma può accadere che si appoggino ad alcune concerie che, senza saperlo, lavorano merce illegalmente importata.

Il modo più veloce per procurarsi un esemplare esotico è cercarlo su Internet: sono tantissimi i siti web su cui è possibile ordinare e acquistare a prezzi accessibili, e senza documenti, tartarughe, cardellini, scimmie cappuccino, tigri e altre specie protette.

Spesso si tratta di truffe per clienti inesperti che finiscono per pagare in anticipo centinaia di euro senza avere alcuna garanzia e che rimangono a bocca asciutta perché la merce non viene recapitata.

Il Corpo Forestale dello Stato da diversi anni ha ingaggiato una lotta per contrastare il fenomeno degli acquisti illegali online di specie esotiche

e protette creando un apposito gruppo di lavoro presso il servizio Cites per monitorare il traffico illecito in Rete.

Tuttavia il commercio di specie protette prosegue indisturbato anche attraverso i canali più tradizionali ovvero tramite il passaparola o anche tramite gruppi Facebook assolutamente chiusi a cui si può accedere solo se si conoscono i partecipanti.

Spesso comunque le restrizioni legislative vengono aggirate modificando le caratteristiche degli animali: ad esempio i lupi americani sono tranquillamente messi in vendita facendoli passare come ibridi di husky.

Foto © fran_ - Fotolia.com

Monopolio produttivo

Negli scali italiani arriva il 96% della produzione totale di pelli di rettile per la realizzazione di borse, scarpe e cinture.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Animali e cuccioli
SEGUICI