A rischio l'agricoltura mondiale per il declino di api e farfalle

Guida Guida

Lanciato l’allarme dall'IPBES, l’organismo Onu per la biodiversità: il declino di api e farfalle sta mettendo a rischio l'agricoltura mondiale. 

L’organismo Onu per la biodiversità, la Piattaforma intergovernativa scientifico-politica sulla biodiversità e i servizi agli ecosistemi (IPBES), a fine febbraio ha lanciato l’allarme: il declino delle popolazioni di insetti, come api e farfalle, essenziali per l'impollinazione delle colture agricole costituisce un rischio per l'agricoltura in tutto il mondo.

I numeri e la distribuzione delle popolazioni di api selvatiche e farfalle diminuiscono sia su base locale che regionale in Europa nordoccidentale e in Nordamerica a causa del cambiamento climatico, della perdita di habitat, dei pesticidi, dei patogeni dell'inquinamento e delle specie invasive.

Il rapporto stilato dall'IPBES, non parla di una vera e propria minaccia alle forniture alimentari globali, per il momento ancora sicure ma indica quanto sia fondamentale tutelare gli insetti impollinatori per assicurare una produzione stabile e costante di frutta e verdura.

Secondo il report dell’IPBES esistono 20.000 specie diverse di insetti impollinatori selvatici e da essi dipende il 90% dei fiori selvatici e il 75% della produzione alimentare

Il 16% di questi insetti impollinatori è a rischio di estinzione e il 40% tra api e farfalle selvatiche sono a maggior rischio di estinzione.

L'impollinazione attraverso insetti è direttamente responsabile di una quota tra il 5 e l'8% del volume della produzione agricola, il corrisponde in termini economici a una produzione annuale che va dai 235 ai 577 miliardi di dollari.

Oltre i tre quarti delle principali tipologie di colture alimentari globali si fondano sull'impollinazione animale: si tratta di colture di molti frutti e vegetali ma anche di semi, noci e olii che forniscono una grossa proporzione di micronutrienti, vitamine e minerali nella dieta umana.

Foto © torook - Fotolia.com

Cos’è il IPBES

All’IPBES (Intergovernmental Science-Policy Platform on Biodiversity and Ecosystem Services), nata nel 2012 per valutare lo stato degli ecosistemi e la biodiversità, partecipano 124 membri di governi che collaborano con più di 1000 scienziati di tutto il mondo.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Animali e cuccioli
SEGUICI