titolo

Emme

Quando lui non pensa al matrimonio

Pensi da sempre che il matrimonio sia il coronamento dei tuoi sogni... Ma l'uomo che ami non ti chiede di fare il grande passo? Sei certa che lui abbia capito quanto conta per te?

Cara Emme, sto con il mio fidanzato da due anni, io ho 35 anni lui 37, viviamo insieme da un anno e va tutto bene. Tutto tranne il dettaglio che non mi chiede di sposarlo. E io ci sto malissimo perché per me il matrimonio è una cosa che si deve fare. Io sono cattolica, lui ateo, ma vorrei che chiudesse un occhio.
Come faccio a farglielo capire senza creare un problema?
O.

Cara O.
il matrimonio non è mai una cosa che si DEVE, è una cosa che si FA insieme.
Cerchiamo di capirlo un po’ quest’uomo che ti è accanto, che ti ama e che come tutti gli etero della sua generazione teme l’assalto tuo e di un tuo amico prete ogni volta che beve un bicchiere di troppo.
Noi sogniamo il matrimonio fin da piccole aggiornando il modello dell’abito e la faccia dello sposo a seconda delle mode.
Loro sognano di essere in un campo da calcio e tirare il rigore decisivo alla finale dei mondiali.
Capisco benissimo il motivo per cui tu voglia celebrare tutto questo amore che hai nella vita, capirei anche solo se fosse per avere qualche diritto in più, visto che l’Italia da questo punto di vista è all’avanguardia quanto il Sud Sudan.
Sul “non potrebbe chiudere un occhio” proprio non ci siamo.
Non puoi chiedere alla persona con cui vuoi passare la vita di rinunciare a quello in cui crede.
Il problema se siamo arrivati a pensare che lo possa fare, cara O. l’hai già creato.
Non temere. Ci sono rimedi efficaci contro la cellulite, figurati se non c’è una soluzione per un uomo che non caccia l’anello.
Prima di tutto, gli devi parlare. Intendo “parlare come si parla ad un maschio”.
NO metafore.
NO sottintesi.
NO frasi tra le righe.
Vuoi sposarti?
Gli devi dire “Io vorrei tanto sposarmi con te prima o poi”.
Non “Che belli i matrimoni” se no lui pensa che ti piacciano le cerimonie degli altri, perché gli antipastini in piedi sono tanto alla moda.
Per la questione religiosa c’è il rito misto. Il matrimonio più bello a cui ho partecipato è stato un rito misto, con le letture dei vangeli e le canzoni dei Beatles.
Sai perché era il più bello? Perché nessuno dei due aveva rinunciato ad essere quello che sarebbe stato per l’altro, per tutta la vita.
Vorresti davvero che si facesse il segno della croce e annuisse al Salmo responsoriale senza crederci nemmeno un po’?
Non sarebbe un gesto d’amore, sarebbe assecondarti.
Tu devi essere amata non accontentata.
Io di matrimoni e uomini che piuttosto che regalare un anello ti comprano una Cornucopia in oro massiccio me ne intendo.
Sono stata a 33 matrimoni in 37 anni. E sono Lombarda!
Quindi O. parla chiaro, cerca di capire perché non si è ancora inginocchiato, se non per allacciarsi le scarpe e poi, una volta vuotato il sacco, attendi fiduciosa.
Quando ti senti giù guardati indietro. Ci siamo tutte noi che non abbiamo ancora trovato uno che ci sposa.
Coraggio O. e se tutto va come credo ci saranno presto degli chicchissimi antipastini in piedi nella tua zona.
Mi raccomando quando succederà nessuna mutazione genetica in SpoZZILLA (sposa + GODZILLA) sarà autorizzata dalla sottoscritta.

Credit: © hanazono3 - Fotolia.com

Hai una domanda per Emme? Scrivi a: postadelcuore@deabyday.tv

Emme risponde...

SEGUICI