Come vivere a lungo e in salute grazie agli ormoni, ai geni e al sesso

Guida Guida

Vivere a lungo e in salute si può: si tratta del giusto mix tra una vita sana, sessualmente attiva e un buon patrimonio genetico e ormonale.

 

Qual è il segreto degli ultracentenari di tutto il mondo? Sono molti gli scienziati che hanno tentato di rispondere a questa domanda. Che abbiano condotto i loro studi in Siberia, in Sardegna, in Giappone o in Ecuador, sembra che la risposta sia sempre la stessa: un mix equilibrato tra patrimonio genetico e ormonale, una vita sessuale attiva e sane abitudini alimentari.

Per vivere a lungo l’organismo deve avere tutti i suoi ormoni ben funzionanti e in equilibrio perché ognuno di essi regola un processo vitale importantissimo

Non a caso nelle popolazioni più longeve esiste un equilibrio tra gli ormoni anabolici (come l'insulina e il testosterone) e quelli catabolici, che agiscono sul processo di invecchiamento. In questa situazione crescita e invecchiamento sono in prefetto equilibrio.

Un altro fattore fondamentale per preservare a lungo salute e benessere è il patrimonio genetico

Un buon patrimonio genetico può proteggere dalle malattie e da fattori ambientali nocivi. Non bisogna, però, dimenticare che i geni sono influenzati molto anche dallo stile di vita.

Ecco alcuni dei segreti degli ultracentenari:

  • Nessuno stress, cibo sano, ricco di fibre, povero di grassi animali, protettivo per il cervello.
  • Coltivare interessi, leggere, dedicarsi costantemente ad un’attività.
  • Stabilire un buon ritmo sonno-veglia e dormire bene senza interruzioni. Dormire bene fa abbassare il cortisolo, l'ormone dello stress che influenza sia la salute fisica, sia quella mentale.
  • Fare attività fisica in maniera costante. Lo sport aiuta a mantenere la massa magra che tende a ridursi con l'invecchiamento, favorisce l’equilibrio ormonale e debella molte infiammazioni allo stomaco.
  • Sapersi rilassare facendo cose che piacciono per tenere a bada lo stress;
  • Mantenere i contatti sociali e stimolare sempre la curiosità. Le emozioni legate alla socializzazione, alla curiosità, sono come gli ormoni rilasciati dal sesso e producono un neurotrasmettitore che rallenta l’invecchiamento, la dopamina.
  • Praticare attività sessuale costante nel corso della vita, come momento di piacere, emotivo. Quando si fa l’amore si rilasciano ormoni fondamentali per il benessere psicofisico: testosterone, estrogeni, progesterone, ossitocina ed endorfine dalla potente azione antistress.
  • Seguire un’alimentazione variata e semplice, il meno raffinata possibile, senza conservanti e bere acqua con iodio.
  • Consumare in gran quantità e con costanza mirtilli ricchi di polifenoli (anche sotto forma di marmellata), frutti rossi e vitamina C dal grande potere antiossidante. Niente lifting, insomma, perché la vitamina C aiuta la pelle a rinnovarsi, contrasta l’effetto ossidativo sulle cellule e della dopamina, responsabile dell’invecchiamento cutaneo.

 

 

Impariamo a rilassarci

La prima regola per invecchiare bene è questa: rilassarsi. Anche se, per carattere e per personalità, non riusciamo proprio a rilassarci, occorre imparare a farlo. Tentare il più possibile di non farsi toccare troppo dallo stress, dai problemi e dalle preoccupazioni, è il primo passo verso una vita più sana, longeva e anche più felice.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI