Peeling al viso, attenzione ai rischi post-trattamento

Guida Guida

Il peeling aiuta a far tornare la pelle giovane e splendente, ma non è privo di rischi. Scopri come comportarti dopo il trattamento! 

Il peeling aiuta a migliorare l'aspetto della pelle del viso grazie alla sua azione esfoliante e rinnovatrice. Lo sa bene chi ha sofferto di acne e si trova a dover convivere con antiestetiche cicatrici che possono essere efficacemente attenuate con un trattamento di questo tipo.

Anche in questo caso ci sono però dei miti da sfatare, soprattutto per quanto riguarda il periodo immediatamente successivo al peeling.

Spesso si è convinti che il sole e i cosmetici non possano che migliorare l'aspetto della pelle, ma dopo un peeling è importante prendere opportuni accorgimenti per evitare che il trattamento si trasformi in un'arma a doppio taglio

A spiegarlo è Gabriella Fabbrocini, docente di dermatologia all'Università “Federico II” di Napoli.

Dopo la somministrazione del trattamento è innanzitutto opportuno guardarsi da una precoce esposizione al sole”, spiega l'esperta, aggiungendo che è anche indispensabile “evitare completamente l’esposizione a lampade solari per almeno due mesi dopo il trattamento, soprattutto per chi ha una pelle scura che rischia l’iperpigmentazione”.

Fabbrocini ricorda anche che un ritorno precoce all'uso del trucco, soprattutto della cipria in polvere, può scatenare delle infezioni. “E' dunque opportuno”, raccomanda l'esperta, “evitare completamente l’uso di cosmetici fino alla risoluzione del processo irritativo-desquamativo”.

Il problema non riguarda solo il make up, ma anche i detergenti utilizzati per la pulizia quotidiana del viso.

È importante che il viso venga lavato con un detergente molto delicato e asciugato tamponando e non strofinando per evitare irritazioni”, consiglia la dermatologa, raccomandando anche di assicurarsi sempre che la pelle sia ben nutrita e idratata. Per raggiungere questo obiettivo è possibile utilizzare dei prodotti emollienti, purché vengano applicati sempre con molta delicatezza.

Non bisogna poi dimenticare che non tutti i peeling sono uguali, ma che è possibile classificarli in base alla profondità della loro azione e che tanto più questa è maggiore, tanto più è elevato il rischio di complicazioni.

Foto: © carol_anne - Fotolia.com

Peeling sì, ma meglio se con mani esperte

Fra le sostanze più usate per i peeling c'è l'acido glicolico, disponibile in concentrazioni adatte anche al fai-da-te. Rivolgersi ad un esperto permette però di utilizzare prodotti più concentrati e di affrontare un vero e proprio programma terapeutico che tenga conto delle caratteristiche specifiche della pelle da trattare.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI