Massaggio rilassante: le differenze tra ayurvedico, shiatsu e thai

Guida Guida

Vuoi regalarti un massaggio rilassante? Puoi optare per quello ayurvedico, shiatsu o thai. Noi ti spieghiamo le differenze e i benefici di queste tecniche.

Nei periodi di particolare stress o semplicemente dopo una giornata lavorativa particolarmente impegnativa, chi non vorrebbe regalarsi qualche ora di relax e magari concedersi un bel massaggio rilassante?

Tra il massaggio ayurvedico, quello shiatsu o quello thai, le alternative tra cui scegliere sono diverse, ma quale trattamento scegliere?

Nell’immaginario comune i massaggi sono tutti uguali, ma nella realtà non è affatto così, anzi bisognerebbe conoscere le differenze tra le varie tecniche e i benefici che ne derivano.

Noi oggi proviamo a spiegarvele. Ecco tutto quelle che c’è da sapere sul massaggio rilassante ayurvetico, shiatsu e thai!

Ayurvetico, shiatsu o thai? Cosa che devi conoscere prima di concederti un bel massaggio rilassante!

n.1 Massaggio ayurvedico. È una tecnica indiana che, attraverso un massaggio rilassante, mira a garantire il relax di corpo e mente. Praticato in un ambiente calmo, con movimenti dolci e delicati e l’uso di oli profumati, il massaggio ayurvedico è in grado di riattivare la circolazione sanguigna e tonificare i muscoli, ma ha anche grandi benefici sulla colonna vertebrale e si rivela molto utile per combattere l’ansia e lo stress.

n.2 Massaggio shiatsu. È una pratica della medicina tradizionale cinese che, facendo pressione con le mani, le ginocchia, i gomiti e i piedi, su diverse zone del corpo, mira a riequilibrare l’energia. Questa tecnica di manipolazione si svolge attraverso due manovre: lo stiramento e la pressione (che dura non più di 3 secondi nella zona del collo e dai 5 ai 7 secondi nelle altre parti del corpo). Questo massaggio rilassante è un toccasana per sciogliere le contratture e per ridurre i sintomi da depressione, ansia e stress.

n.3 Massaggio thai. L’obiettivo del massaggio thai è raggiungere uno stato di “armonia” attraverso una serie di manipolazioni da praticare su diverse zone del corpo. Nella prima fase del massaggio il terapista prova a coordinare il suo respiro con quello del paziente e solo dopo comincia ad effettuare gli stiramenti e le pressioni. I benefici di questo massaggio sono molteplici: favorisce l’eliminazione delle tossine, migliora l’attività vascolare, garantisce la liberazione di energia e per questo è particolarmente indicato per chi pratica attività sportiva.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Bellezza e stile
SEGUICI