Video corso di cucito: rammendare e ricucire

Video Video

Costumista e sarta
Nadia Gozzini
Le nostre video lezioni ti insegneranno in modo rapido e semplice tutti i trucchi più comuni della sartoria. Impara a ricucire e rammendare.

Hai bisogno di

  • 1 paio di forbici
  • 1 ago
  • 1 rocchetto di filo dello stesso colore del capo
  • abbellimenti assortiti (paillette, bottoni, nastri…)
  • capi da rammendare (camicie o magliette di cotone, calzini…)

Step by step

Rammendare uno strappo

  1. Infilare il filo nell’ago, senza fermarlo con il nodo.
  2. Rivoltare il capo al rovescio per ricostruire il tessuto.
  3. Infilare l’ago almeno a 1 cm dallo strappo e iniziare a ricostruire la trama, unendo i lembi strappati con cuciture orizzontali.
  4. Senza staccare il filo, ripristinare l’ordito, unendo i lembi in senso verticale. In questo modo si ricostruisce il lavoro svolto dal telaio.
  5. Terminato il rammendo, fissare il filo creando un’asola e facendo passare l’ago al suo interno. Chiudere il lavoro con un punto finale e tagliare il filo.
  6. Se non si è rammendatrici molto esperte sarà difficile mascherare completamente il rammendo. In questo caso si consiglia di applicare nastri, bottoni, paillettes, pezzi di stoffe arricciati a formare fiori o altri tipi di abbellimenti che il singolo gusto e la singola creatività saprà suggerire. Un consiglio: giocare sui contrasti.

Ricucire una scucitura

  1. Infilare il filo nell’ago fermandolo con un nodo all’estremità singola.
  2. Rivoltare il capo al rovescio.
  3. Tagliare eventuali fili e sfilacciamenti che potrebbero intralciare il lavoro.
  4. Sovrapporre i due lembi di tessuto scuciti in modo che combacino esattamente.
  5. Infilare l’ago a 1 cm dall’inizio della scucitura.
  6. Eseguire dei punti semplici, infilando l’ago nella stoffa dall’alto verso il basso, facendo uscire la punta dell’ago dopo 2 mm al di sopra della stoffa.
  7. Arrivati alla fine della scucitura, fermare il filo praticando un’asola e facendovi passare l’ago. Eseguire un punto finale per chiudere il lavoro e tagliare il filo.
  8. Rivoltare il capo al dritto e verificare la tenuta della cucitura.

Rammendare un buco sul calzino

  1. Infilare il filo nell’ago e fermarlo con un nodo all’estremità singola.
  2. Infilare una mano nel calzino, al dritto, e allargare bene le dita in modo da tendere leggermente la stoffa e verificare la smagliatura che ha dato origine al buco.
  3. Ricreare la maglia infilando l’ago all’inizio della smagliatura e cucendo verticalmente i lembi per ricostruire la trama. Tenere il filo piuttosto molle, senza tirare mai, per evitare il formarsi di grumi.
  4. Completata la trama, procedere a ricostruire l’ordito, cucendo in senso orizzontale. Anche in questo caso non bisogna tirare il filo.
  5. Fermare la cucitura creando un’asola, facendo passare l’ago all’interno e chiudendo il lavoro con un ultimo punto finale.
  6. Tagliare il filo.
PER SAPERNE DI PIÙ
  • Imparare a rammendare e ricucire un proprio capo di abbigliamento significa non dover buttare un indumento magari ancora in buono stato e risparmiare nelle riparazioni che solitamente si fanno fare ai sarti.
  • Calcola a occhio di quanto filo hai bisogno: la lunghezza del filo utilizzato infatti è molto importante. Un filo troppo lungo può creare problemi di nodi o di grovigli. Se ti accorgi che si è formato un nodo la cosa migliore è disfare tutto, eliminare il groviglio con un taglio (attenzione a non tagliare anche lo stoffa!) e ricominciare daccapo.
CREDITS

Autore
Angelo Camba

Regia
Angelo Camba

Producer
Angelo Camba

Interpreti
Nadia Gozzini

Operatori
Angelo Camba
Paolo Pisacane

Montaggio
Angelo Camba

Esperto
Nadia Gozzini, costumista e sarta

Si ringrazia
www.nadiagozzini.it

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Bellezza e stile
SEGUICI