Come scegliere le nuove pavimentazioni di un rustico

Guida Guida

In caso di ristrutturazione di un rustico presta attenzione alla scelta delle nuove pavimentazioni per rispettare lo stile originario della costruzione.

La prima superficie su cui si posa lo sguardo, entrando in un nuovo locale, è il pavimento ecco perché quando si ristruttura un rustico occorre scegliere con molta attenzione la nuova pavimentazione: l’obiettivo primario è quello di mantenere inalterata l’atmosfera stilistica originaria.

La soluzione migliore è solitamente quella di posare lo stesso rivestimento per tutti i locali del rustico ispirandosi ai materiali originari: in questa maniera oltre a risparmiare economicamente si avrà l’impressione che gli ambienti siano più spaziosi.

Tra i principali materiali usati per le pavimentazioni delle costruzioni rurali troviamo le mattonelle di cotto: fatte a mano o di fattura industriale, lasciate grezze o lamate, montate con o senza fughe, le mattonelle di cotto resistono bene all’usura ma richiedono una cura costante.

Altra tipologia di pavimentazione usata molto nei rustici di campagna o di montagna è la pietra: i generi più posati sono l’ardesia, la lavagna, il marmo e il granito.

Se però sei sensibile alle questioni ambientali evita di posare questi pavimenti perché la pietra viene ricavata dalle cave contribuendo così alla distruzione del paesaggio ed inoltre i processi di lucidatura sono molto inquinanti.

Molto meglio allora optare per pavimenti più economici e di facile posa come il legno, la ceramica o le fibre naturali come le stuoie in fibre di cocco o sisal

parquet sono ideali soprattutto per i rustici di montagna: evita magari di posare legni esotici ed opta piuttosto per legni nostrani, tipici del foreste vicine al luogo in cui è situata la tua abitazione rurale.

Tra i materiali più economici puoi poi scegliere il linoleum in fibre naturali oppure la moquette in lana o cotone: sono disponibili infiniti motivi ornamentali che si adattano ad ogni gusto ed esigenza.

Ovviamente nulla vieta di realizzare delle combinazioni purché si mantenga un certo gusto armonico ed un certo equilibrio, in questo modo sarà possibile differenziare diversi spazi in un unico grande ambiente: spazio allora ai pavimenti in pietra abbinati con il legno oppure ai pavimenti in cotto accostati alle fibre naturali.

Foto © alexandre zveiger - Fotolia.com 

A tutta ceramica

Per i bagni e le cucine meglio usare mattonelle o piastrelle in ceramica: sono più facili da pulire rispetto le altre coperture.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI