Come fare ad allevare una tartaruga di terra in giardino

Guida Guida

I consigli per allevare una tartaruga di terra in giardino: il terrario ha i suoi vantaggi ma è meglio lasciare la tartaruga di terra in uno spazio all'aperto.    

Allevare una tartaruga di terra in giardino non è sempre facile: bisogna conoscere le nozioni base per poterla crescere nel modo giusto. Qualche consiglio per prendersi cura delle tartarughe di terra è quindi fondamentale.

Le tartarughe di terra hanno bisogno di uno spazio a disposizione proporzionale alla loro dimensione e di un ambiente simile il più possibile a quello che esemplari di quella stessa specie trovano in natura. Da questo punto di vista, un terrario delle giuste dimensioni è la scelta migliore perché permette di controllare facilmente tutti i parametri fisico-chimici dell’ambiente interno e di mantenerli stabili entro i range ideali per la nostra tartaruga.

Il terrario è la scelta obbligata anche per chi vive in appartamento e non avrebbe altra possibilità per allevare questi animali.

Tartarughe di terra, libere in giardino è meglio

D’altra parte le tartarughe crescono rispetto alla mini taglia che hanno quando le portiamo a casa dal negozio. E anche molto. Al punto che a un certo punto bisogna trovare un’alternativa al terrario.

Uno spazio all’aperto attrezzato appositamente con tutto ciò che serve alla nostra amica e magari in un bel giardino con ogni comfort è non solo la scelta migliore in assoluto ma addirittura l’unica possibile.

C’è però il problema di ricreare un ambiente adatto e sicuro in uno luogo all’aperto in cui è più difficile controllare i vari parametri di temperatura, umidità, alternanza ore di buio e luce, ecc.

Vediamo quindi come si può allevare una tartaruga di terra in giardino, in tutta sicurezza.

tartaruga di terra

Scegliere e delimitare bene lo spazio in giardino della tartaruga è fondamentale per la sua sicurezza

Il primo passo da fare per preparare lo spazio fuori casa della nostra tartaruga è scegliere bene il punto in cui realizzarlo.

Un’ottima soluzione, tenendo conto che l’animale avrà bisogno di un’area esposta al sole per mantenere attivo il metabolismo del calcio, ma anche di una in ombra, potrebbe essere quella di trovare un angolo del giardino orientato a sud e vicino a una siepe o un’altra recinzione in modo da permetterle di scegliere se fare i suoi bagni di sole o se riposarsi prendendo il fresco all’ombra.

Altri elementi indispensabili sono una vasca con acqua bassa e sempre pulita per bere e fare il bagno e una zona coperta per consentirle di ripararsi quando piove. 

Una volta scelto lo spazio giusto e attrezzato con l’indispensabile, non resta che recintarlo, sia per impedire alla tartaruga di uscire esponendosi ai tanti pericoli che si possono trovare fuori (automobili se dovesse uscire dalla proprietà, tagliaerba o altre macchine per la manutenzioni dei giardini, ecc.) sia per impedire ai suoi predatori di raggiungerla.

Griglie e reti di protezione sono perfette per entrambi gli scopi. Ma dovranno essere alte almeno il doppio della lunghezza della tartaruga e ben piantate in profondità perché questi animali sono dei buoni arrampicatori e hanno i mezzi adatti (zampe e unghie) anche per scavare.

Tartarughe di terra: cibo a portata di zampa

Tutte le tartarughe di terra inoltre sono erbivore e si alimentano di erba, frutti e bacche che cadono dagli alberi, di rovi e foglie (sono ghiotte di trifoglio, tarassaco insalata, pomodori, meloni ed anguria), che integrano, saltuariamente, con qualche insetto, lombrico o lumaca.

La scelta di allevare una tartaruga di terra in giardino è quindi la migliore anche da questo punto di vista. L’importante è tenere conto di quanto può procacciarsi eventualmente da sola nel suo spazio e di quanto occorre metterle invece a disposizione per non farle mancare nutrimenti essenziali.

Attenzione però a non lasciare in giro ciotole contenenti cibo studiato per altri animali (cani, gatti, tartarughe acquatiche, ..): se la nostra tartaruga dovesse raggiungerle e mangiare le conseguenze per la sua salute non sarebbero piacevoli.

Quali e quanti animali possono stare in giardino con una tartaruga di terra?

A questo proposito va ricordato che cani e gatti dovrebbero stare vicini alla tartaruga o avere accesso al suo spazio solo in presenza del proprietario. Di fatto questi animali vanno considerati come predatori della nostra amica al pari di roditori e rapaci notturni quali gufi e barbagianni.

Anche la convivenza con altre tartarughe deve essere studiata attentamente (foto). La soluzione ideale è tenere un gruppo misto composto da un maschio e 3 femmine. Se invece non si vuole correre il rischio di ritrovarsi con tante uova e poi piccoli di tartaruga da accudire e sistemare in una nuova famiglia, si può optare per individui dello stesso sesso. In questo caso è però vivamente consigliato tenere due o più femmine della stessa taglia, perché più maschi insieme finirebbero per lottare e farsi molto male.

>>>> LEGGI ANCHE
Come distinguere il sesso delle tartarughe
Come mettere in incubazione le uova di tartaruga
Come affrontare il letargo della tua tartaruga

Foto © Conny Hagen - Fotolia.com

Bagni di sole per tartarughe

Tutte le tartarughe hanno bisogno di un certo numero di ore di esposizione solare diretta per sintetizzare la vitamina D3 senza la quale non è possibile assimilare e fissare nei tessuti il calcio presente nell’alimento. Se la tua tartaruga vive in casa devi permetterle di stare al sole o inserire nel terrario una lampada UV.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Animali e cuccioli
SEGUICI