Come prepararsi al parto cantando

Guida Guida

La preparazione al parto è molto importante: ecco come affrontarla attraverso il canto.

La preparazione al parto è uno degli elementi più importanti del percorso della gravidanza, un modo efficace di affrontare il parto serenamente, sia dal punto di vista fisico che psicologico. Esistono diversi corsi di preparazione al parto, che utilizzano metodi differenti, come ad esempio le tecniche di respirazione, lo yoga, gli esercizi in acqua, etc.

Esiste poi un altro metodo di preparazione al parto basato sul canto.

Come ci si può preparare al parto cantando? Innanzitutto è bene sapere che la preparazione al parto attraverso il canto è una pratica diffusa e sperimentata, nata in Francia negli anni '60, grazie ad alcune importanti figure del mondo scientifico e musicale.

Tre sono stati infatti i protagonisti di questo nuovo approccio. Il primo è Frédérick Leboyer, ginecologo, ostetrico e figura fondamentale nel campo medico e psicologico. E' grazie a lui che si è sviluppato il cosiddetto 'parto dolce', cioè quel complesso di pratiche che fanno in modo che il parto sia il piu' naturale possibile, sia per la madre che per il bambino.

Ed è sempre grazie a lui se i luoghi per partorire sono diventati piu' accoglienti, così come, infine, si deve a lui la diffusione del massaggio neonatale.

L'altra è Marie Louise Aucher, una cantante lirica, ricercatrice e fondatrice, negli anni '50 della Psicofonia, teoria basata sull'importante legame tra i suoni, voce, risonanze, corpo e psiche.

Infine, Chantal Verdière, un'ostetrica convinta sostenitrice del valore del canto per il benessere di mamma e bambino e co-fondatrice della Psicofonia.

prepararsi al parto

Insieme, hanno messo a punto una metodologia che mette a frutto gli studi di  M.L.Aucher sull'incredibile influenza che i suoni e le risonanze, hanno sul nostro corpo. Ogni suono è una vibrazione in grado di stimolare un punto preciso del corpo, secondo una mappa che la Aucher ha depositato all'Accademia delle Scienze di Parigi.

Il lavoro psicofonetico in gravidanza è importante perchè il bambino all'interno dell'utero viene sollecitato dall'emissione vocale della madre, che gli arriva sia dall'esterno, che dall'interno del corpo.

Non solo, il bambino è sensibile alla voce di entrambi i genitori.

Il canto prenatale, aiuta la mamma a migliorare la sua respirazione, a esercitarsi nella respirazione attraverso il diaframma, nell'esercitare punti precisi del corpo come il bacino e la zona pelvica, tutti molto importanti al momento del partoIl canto infatti genera vibrazioni che vanno a stimolare punti precisi del corpo e aiuta in maniera concreta lo sviluppo sano del feto.

In particolare gli studi hanno dimostrato che le tonalità gravi della voce del padre, stimolano le funzioni delle parti basse del corpo, mentre le tonalità acute della madre, stimolano le funzioni delle parti alte e della testa.

Il canto prenatale, infine, svolge un'azione rilassante, procurando benessere fisico.  

La pratica infatti stimola la produzione di endorfine, sostanze che attenuano la percezione del dolore e, insieme alla respirazione, aiuta a rilassare la muscolatura.

Alcuni indirizzi utili:

Consigli di lettura:

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI