Retrofront sul burro? Potrebbe aiutare a combattere il diabete

Notizia Notizia

Il burro è stato a lungo accusato di nuocere alla salute, ma potrebbe prevenire il diabete. Scopri i risultati delle ultime ricerche!

Retrofront sul burro? Potrebbe aiutare a combattere il diabete

Il burro è stato a lungo demonizzato: il suo elevato contenuto in grassi saturi, considerati fino a poco tempo fa il tipo di grassi alimentari meno salutare, ha fatto sì che il suo consumo diminuisse a favore di un aumento del consumo di grassi di origine vegetale.

Gli studi condotti nel corso degli anni hanno però portato a rivalutarlo a tal punto che ora sembra che includere burro nell'alimentazione quotidiana possa tradursi in effetti benefici per la salute.

Il burro potrebbe proteggere dall'insorgenza del diabete

A suggerirlo è un'analisi degli studi sugli effetti del consumo di burro pubblicata su PLoS One da un gruppo di ricercatori guidato da Laura Pimpin e Dariush Mozaffarian, esperti della Tufts University di Boston (Stati Uniti).

I dati a disposizione hanno svelato una lieve associazione tra il consumo di una dose di burro pari a 14 grammi al giorno e la riduzione del rischio di diabete.

Non è invece stata rilevata nessuna associazione con il rischio di malattie cardiovascolari e, più in generale, il consumo di burro è risultato solo lievemente associato a mortalità.

Come cibo il burro potrebbe essere una 'via di mezzo'”, ha spiegato Pimpin commentando i risultati.

Secondo la ricercatrice questo alimento potrebbe essere “una scelta più salutare rispetto agli zuccheri o all'amido, ad esempio del pane bianco o delle patate su cui spesso viene messo il burro e che sono stati spesso associati a un più elevato rischio di diabete e di malattie cardiovascolari”.

D'altra parte, il burro potrebbe essere “una scelta peggiore rispetto a molte margarine e oli da cucina – quelli ricchi di grassi salutari come quello di soia, colza, semi di lino e l'extravergine di oliva – che probabilmente ridurrebbero il rischio sia rispetto al burro che rispetto a cereali raffinati, amidi e zuccheri”.

I nostri risultati suggeriscono che il burro non dovrebbe né essere demonizzato né considerato 'tornato' a rappresentare la strada verso la buona salute”, ha aggiunto Mozzafarian.

Saranno necessarie più ricerche per comprendere meglio il potenziale minor rischio di diabete, che è stato suggerito anche da altri studi sui grassi da latticini. Potrebbe essere reale, oppure dovuto ad altri fattori legati al consumo di burro”.


Credit Foto: © HandmadePictures – Fotolia.com
Fonte: Newswise  

Margarina e grassi trans

In passato la margarina era ricca di grassi trans, pericolosi per la salute cardiovascolare. Oggi ne esistono tipi che promettono di non apportare questi nemici di cuore e arterie. 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI