Come funziona la consegna a domicilio dei farmaci per diabetici in Lombardia

Guida Guida

Parte la consegna a domicilio dei farmaci da parte delle 2200 farmacie private lombarde. Ecco come funziona

La consegna a domicilio è pensata per mettere al centro il cittadino e in particolare coloro con maggiori necessità, per esempio i 350 mila diabetici che quotidianamente si rivolgono alle farmacie lombarde. E nella Giornata del Diabete, Federfarma Lombardia ha annunciato nel corso di una conferenza stampa l’avvio di un corso per farmacisti, realizzato in collaborazione con la Regione Lombardia, per migliorare l’assistenza in farmacia delle persone con diabete.


Dal 15 novembre 2012 è partita la consegna a domicilio dei farmaci da parte delle 2200 farmacie private lombarde 

  • La consegna a domicilio sarà effettuata, in via sperimentale, dal 15 novembre per sei mesi.
  • I cittadini potranno telefonare al numero 02.7010.2880, dalle 8.00 alle 17.30 di ogni giorno feriale.
  • Il call center di Federfarma Lombardia, presa nota delle esigenze del chiamante e della sua domiciliazione, provvederà a trasferire la chiamata dal cittadino alla farmacia più vicina aperta ed aderente al servizio, così che possano prendere accordi diretti.
  • La consegna sarà eseguita dalla farmacia previo ritiro della ricetta, qualora necessaria (è garantita la pronta consegna, comunque non oltre 6 ore lavorative).
  • L’eventuale costo del servizio sarà valutato da ogni singola farmacia in funzione del servizio richiesto

Sperimentiamo questo nuovo servizio al cittadino – ha dichiarato Annarosa Racca, presidente di Federfarma – che sarà particolarmente utile per malati cronici, anziani ma anche per persone occasionalmente impossibilitate a recarsi in farmacia. Al termine della sperimentazione vedremo come migliorare il servizio, istituendo, ad esempio un numero verde. L’iniziativa si inserisce nel quadro di un continuo miglioramento dell’assistenza fornita dalla farmacia, che sta evolvendo sempre più in un presidio sanitario sul territorio, al servizio dei cittadini”.

 E nel contesto di una sempre migliore accoglienza, Federfarma Lombardia ha annunciato l’istituzione di un corso per farmacisti che lavorano in farmacia. Il corso consentirà loro di rispondere meglio alle esigenze delle persone con diabete che si recano abitualmente in farmacia. L’esigenza di migliorare l’assistenza ai diabetici deriva anche dal fatto che il diabete, vera e propria malattia dei nostri tempi, fa registrare un costante aumento di malati.

Solo in Lombardia si calcolano circa 400 mila malati (sono 4 milioni in Italia), con un aumento di circa il 10% dal 2010 ad oggi


La grande maggioranza dei diabetici lombardi ritira farmaci e dispositivi in farmacia – ha spiegato Patrizio Marnini, responsabile del progetto formativo dei farmacisti sul diabete – riscontriamo un aumento oltre che di malati anziani, anche di giovani e ragazzi. Tra le cause di questo aumento vanno segnalati in primis gli stili di vita non corretti: infatti per il diabete di tipo 2 sarebbero prevenibili fino al 90% dei casi mediante un alimentazione corretta, attività fisica regolare e riduzione del peso corporeo in eccesso; ciò che definiamo Prevenzione Primaria.

Fonte:Federfarma Lombardia

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI