Come riconoscere il tipo di mal di testa

Guida Guida

Emicrania, cefalea, esistono vari tipi di mal di testa in 150 forme diverse. Ecco le principali...

Solo il cinque per cento della popolazione non ha mai sofferto di mal di testa, ma per chi ne soffre spesso è così grave da compromettere la qualità della vita. Esistono vari tipi di mal di testa, ecco come capire la differenza:

Esistono almeno 150 forme di mal di testa ma le principali sono tre: emicrania, cefalea tensiva e cefalea a grappolo.

Questi tre tipi sono cefalee primarie, cioè non hanno come causa scatenante un’altra malattia.

  • Emicrania. È una condizione cronica con ricorrenti esacerbazioni. Il dolore si localizza a un lato del capo, zona tempie e può diffondersi verso la nuca o gli zigomi. Il dolore è intenso e può essere associato a fotofobia, fonofobia o osmofobia, nausea o vomito. Chi viene colpito ricerca il silenzio e il buio e la durata della crisi varia tra le 4 e le 72 ore.
    Esiste l’emicrania senz’aura che si differenzia da quella con aura per minore dolore e perché non si accompagna a una serie di disturbi visivi come lampi o vista offuscata. Le cause non sono ancora chiare.
  • Cefalea tensiva. Compare spesso dopo stress fisico o psichico ed è un evento passeggero legato alla condizione che lo scatena ma può diventare cronico. Il dolore è bilaterale, sordo e costrittivo, dà un senso di pesantezza al capo.
    La cefalea tensiva è legata spesso a tensioni emotive, ansia che fanno contrarre la muscolatura e percepire, quindi, maggiore dolore. È meno debilitante dell’emicrania.
  • Cefalea a grappolo. È la più dolorosa in assoluto. Gli attacchi si raggruppano in periodi di 1-2 mesi, detti grappoli, intervallati da mesi in cui non compare. Il dolore è quotidiano con crisi con durata fino a 180 minuti. Spesso arriva alla stessa ora e il dolore si localizza nella zona oculo-fronto-temporale. Si associa a rinorrea, lacrimazione, sudorazione. La cefalea a grappolo rende chi è colpito molto irritabile, in continuo movimento per l’ansia di una eventuale ricomparsa delle crisi.
    Tra le cause che possono influire troviamo i cambiamenti delle abitudini di vita, irregolarità del sonno, variazioni di temperatura.

Gli esperti consigliano di rivolgersi al medico quando gli attacchi di mal di testa sono almeno quattro in un mese. Il mal di testa va tenuto d'occhio per poterlo curare e sconfiggere al meglio.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI