Contro i danni al fegato un aiuto dal peperoncino

Guida Guida

Il fegato potrebbe avere un prezioso alleato nascosto in cucina. Scopri come il peperoncino può aiutare a proteggere il fegato!

Il peperoncino può essere un prezioso alleato della salute in cucina.

Chi ama il gusto piccante di questo vegetale e dei suoi simili contenenti capsaicina (la molecola responsabile, appunto, della sua piccantezza) può infatti utilizzarlo per insaporire i piatti riducendo il consumo di sale, una delle regole da seguire per garantirsi un'alimentazione salutare.

Ma non solo. La capsaicina è utilizzata anche come principio attivo di rimedi medicinali contro il dolore.

I benefici associati all'uso di questa molecola sembrano però destinati ad aumentare giorno dopo giorno.

La capsaicina potrebbe anche essere un'amica della salute del fegato

A svelarlo è uno studio presentato all'International Liver Congress™ 2015 di Vienna.

I suoi autori hanno infatti dimostrato che il consumo quotidiano di capsaicina potrebbe avere effetti benefici sui danni al fegato.

La scoperta arriva da esperimenti condotti sui topi e hanno previsto la somministrazione della capsaicina con il cibo dopo aver indotto fibrosi epatica e dopo (o durante) la somministrazione della tossina più dannosa per il fegato fra quelle note.

I ricercatori hanno infatti scoperto che la capsaicina è in grado di migliorare almeno in parte il danno al fegato scatenato dal trattamento per indurre fibrosi e di inibirne l'ulteriore peggioramento.

Nel caso della somministrazione della tossina il principio attivo che rende piccante il peperoncino riesce invece a prevenire il danno, pur non consentendo di curare la fibrosi già presente.

In particolare, la capsaicina riduce l'attivazione delle cosiddette cellule stellate del fegato, uno fra i principali responsabili della fibrosi scatenata dai danni all'organo.

Secondo i ricercatori questi risultati indicano la necessità di nuovi studi per valutare la possibilità di utilizzare la capsaicina per trattare e prevenire i danni dal fegato e la conseguente formazione di tessuto cicatriziale.

Foto © photocrew - Fotolia.com
Fonte: EurekAlert! 

Sì anche al caffè

Anche il caffè può aiutare a proteggere il fegato. In questo caso la sua arma segreta non è la caffeina: a fare bene è infatti anche il decaffeinato

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI