Come proteggere gli animali domestici dai pericoli di Pasqua

Guida Guida

L'arrivo imminente della Pasqua esporrà i nostri animali domestici a stress e rischi anche seri per la salute. Ecco qualche utile consiglio per proteggerli.

Tra pochi giorni arriverà la Pasqua e come di consueto il rito religioso diventerà un’occasione per ritrovare amici e parenti che non si ha mai tempo di frequentare. 

L’occasione diventerà insomma un momento per stare in allegra compagnia e festeggiare con deliziosi pranzetti.

Per i nostri animali si rinnoveranno invece i soliti problemi legati alla casa invasa da estranei, alla confusione, alla routine che salta e ai pericolosissimi bocconcini allungati dalla nostra tavola.

La festa che ci accingiamo a celebrare porta con sé anche tanti pericoli nuovi a cui dobbiamo stare attenti. Vediamo quindi come proteggere i nostri amici animali dai pericoli di Pasqua.

La Pasqua, come il Natale, può essere una fonte di stress tanto per noi quanto per i nostri animali domestici. Per limitare il loro disagio e fargli superare nel migliore dei modi i prossimi giorni di festa valgono i soliti consigli:

  • Garantitegli quiete e privacy spostando con un po’ d’anticipo i loro accessori (gabbiette, ciotole di cibo e acqua, cucce, giochi e lettiere) in un luogo della casa tranquillo,
  • Mantenete il più possibile la loro routine, in particolare per la pappa e per le uscite.
  • Non lesinategli coccole e attenzioni in quantità.
  • Fategli qualche piccola concessione in più.
  • Siate pazienti se sono più nervosi e inquieti del solito.
  • Usate feromoni di sintesi, laddove esistono, per tranquillizzare.

Altra regola sempre valida è il divieto assoluto di allungare bocconcini o assaggi ai pet, anche se vengono a implorarci.

Il no categorico agli strappi alle regole a tavola è particolarmente importante anche considerando la quantità spropositata di cioccolato che circolerà nelle nostre case.

L’alimento dolce e goloso che piace a tutti senza distinzioni per molti animali è addirittura tossico anche piccolissime dosi. I cani in particolare dovrebbero esserne tenuti alla larga.

Attenzione al giglio se ci sono gatti in casa: può causare una gravissima insufficienza renale

Chi ha un gatto dovrà stare particolarmente attento alle piante che possono arrivare a casa come dono. Il giglio, uno dei fiori simbolo della Pasqua nella sua variante bianca (Lilium Candidum), è molto tossico per questa specie: può indurre infatti insufficienza renale anche a piccole dosi.

Per questo tipo di avvelenamento non esistono antidoti purtroppo. Si tratta di una situazione molto grave contro cui il veterinario può solo cercare di sostenere la funzionalità renale, in modo che la tossina in circolo possa essere smaltita con la speranza che non si sia arrivati troppo tardi.

L'unica arma che abbiamo per proteggere i nostri gatti dal pericolo di morte per ingestione di gigli o sue parti, è la prevenzione tenendo queste piante fuori dalla loro portata.

Le piante in generale dovrebbero essere comunque sempre tenute lontano dagli animali di casa, perché sono molte quelle pericolose per la salute degli animali. Meglio informarsi e nel dubbio tenerle tutte dove i pet non arrivano.

Photo © vvvita - Fotolia.com

Attenzione al cioccolato

Il cioccolato e il giglio bianco simboli della Pasqua per i nostri animali possono costituire una grave rischio di avvelenamento. Teniamoli il più possibile lontani dalla loro portata.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Animali e cuccioli
SEGUICI